• Mondo
  • giovedì 12 aprile 2018

Il presidente dello Sri Lanka ha sospeso il Parlamento fino all’8 maggio

Il presidente dello Sri Lanka Maithripala Sirisena ha sospeso il Parlamento fino all’8 maggio per via della crisi politica in cui si trova il paese. È successo dopo che l’11 aprile sei ministri del governo di coalizione del primo ministro Ranil Wickremesinghe avevano dato le dimissioni. Sirisena non ha giustificato la sua decisione ma aveva già promesso un rimpasto del governo dopo che la scorsa settimana c’era stata una mozione di sfiducia: non era passata ma aveva molto indebolito la coalizione di partiti al governo. L’opposizione, e in particolare l’ex presidente nazionalista Mahinda Rajapaksa, che alle elezioni amministrative dello scorso febbraio aveva ottenuto una grossa vittoria, vorrebbe che venissero indette elezioni anticipate.

Il Parlamento dello Sri Lanka, il 9 novembre 2017 (LAKRUWAN WANNIARACHCHI/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.