• Italia
  • mercoledì 14 febbraio 2018

Il tribunale di Milano ha rinviato alla Corte Costituzionale le accuse a Marco Cappato per il suicidio assistito di Fabiano Antoniani

Il tribunale di Milano ha deciso che le accuse a Marco Cappato per il suicidio di Fabiano Antoniani, noto anche come DJ Fabo, dovranno essere valutate dalla Corte Costituzionale, alla quale ha rinviato il caso. La richiesta era stata avanzata dalla pm Tiziana Siciliano, che aveva sollevato la legittimità costituzionale del reato di aiuto al suicidio, che prevede una pena fra i 6 e i 12 anni di carcere.

Antoniani è diventato da circa un anno il simbolo della lotta per l’approvazione di una legge sull’eutanasia e sul testamento biologico in Italia. Antoniani, che dopo un incidente in auto era diventato cieco e quasi completamente paralizzato, aveva effettuato la procedura di suicidio assistito il 27 febbraio 2017 nella clinica svizzera dell’associazione Dignitas, dato che in Italia è tuttora illegale. Cappato, storico leader dei Radicali di Milano e promotore della campagna “Eutanasia legale”, si era impegnato per soddisfare la sua richiesta e lo aveva accompagnato in auto in Svizzera.

(ANSA/DANIEL DAL ZENNARO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.