• Italia
  • mercoledì 31 gennaio 2018

L’artista Emilio Isgrò e Roger Waters hanno trovato un accordo sulla questione della copertina di quel disco

La casa discografica Sony Music ha diffuso un comunicato per annunciare che l’artista italiano Emilio Isgrò e il bassista britannico Roger Waters, ex membro dei Pink Floyd, hanno trovato un accordo su quella storia della copertina dell’ultimo disco di Waters, Is This the Life We Really Want?, che Isgrò aveva accusato di essere stata copiata dalle sue opere e per la quale aveva ottenuto la sospensione delle vendite. Nel comunicato si dice che Isgrò «ha inequivocabilmente rinunciato alla sua azione relativa alla violazione del copyright nei confronti di Roger Waters, delle cui opere è grande fan e ammiratore». Non è stato specificato, né per ora si sa, se nell’accordo sia stata inclusa una qualche forma di compensazione.

waters-isgròLa copertina di Is This the Life We Really Want?, a sinistra, e una delle “cancellature” di Isgrò.

La storia era cominciata lo scorso giugno, quando Isgrò, che ha 80 anni ed è siciliano, aveva accusato Waters di avere copiato le sue “cancellature” per realizzare la copertina del disco. Il Tribunale di Milano aveva quindi bloccato le vendite del disco, per poi riautorizzarle temporaneamente e quindi di nuovo sospenderle, fino a oggi. Il disco era comunque stato disponibile all’acquisto online.

Dice il comunicato di Sony:

Siamo lieti di annunciare che Emilio Isgrò e Roger Waters hanno posto termine alla loro controversia relativa al materiale grafico del nuovo album del signor Waters, “Is This The Life We Really Want?”.

Pertanto, Emilio Isgrò ha inequivocabilmente rinunciato alla sua azione relativa alla violazione del copyright nei confronti di Roger Waters, delle cui opere è grande fan e ammiratore. Isgrò riconosce con piacere che la buona fede di Waters non è in discussione e il fatto che, come da Waters stesso dichiarato, questo materiale grafico è stato sviluppato da lui stesso e dai suoi creativi collaboratori, in modo indipendente dall’opera di Isgrò.

Roger Waters ha avuto, a sua volta, attraverso questa vicenda, l’opportunità di venire a conoscenza del grande artista italiano e delle sue opere, considerato nella cerchia dei critici come uno dei più importanti rappresentanti dell’arte contemporanea italiana e creatore della “Cancellatura”.

Roger Waters ha dichiarato: “Con la copertina di “Is This The Life We Really Want?” parlo della censura, una cosa che, da allora, ho scoperto di avere in comune con le opere di Emilio Isgrò”.
Questi grandi artisti, Isgrò e Waters, sono lieti di avere l’opportunità, quali artisti contemporanei in campi diversi, di unirsi e sottolineare l’ingiustizia sociale nonché i pericoli della censura attraverso i mezzi della musica e dell’arte contemporanea.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.