(RAJESH JANTILAL/AFP/Getty Images)

Un regalo al giorno: -1

Abbonamenti ai libri, ai musei, a una bella rivista e anche alla birra, se credete

(RAJESH JANTILAL/AFP/Getty Images)

“L’anno prossimo i regali di Natale li compro un mese prima”: è uno dei propositi più espressi dell’anno e anche dei più falliti. Ce lo ripromettiamo ogni volta, nell’ansia/panico da regali della vigilia, e poi ci ritroviamo in un batter d’occhio in una nuova ansia/panico da regali della vigilia aggravata dall’ansia/panico di dover passare del tempo tra negozi affollati. È inutile, solo alcuni supereroi ci riescono: per tutti gli altri, il Post ha pensato a un piano B, una soluzione accessibile anche agli umani, un esperimento di compromesso, una riforma elettorale imperfetta. Un regalo di Natale al giorno: fino al 24 dicembre, peschiamo un suggerimento dalle cose immediatamente acquistabili online su diversi siti. Uno solo al giorno, per non impegnarvi troppo: se avete qualcuno a cui sia adeguato, cliccate, comprate, e risolto. Se no, riproviamo il giorno dopo: non chiuderà la pratica, ma speriamo di aiutarvi a smaltirne una parte.

Domani è Natale e quindi ormai i regali li avrete preparati. Nel caso in cui vi siate dimenticati qualcuno, però, non dovete farvi prendere dal panico: ci sono alcune cose che si possono regalare davvero «con un click». Sono i buoni regalo da spendere online (e non solo) e gli abbonamenti. Abbiamo messo insieme un po’ di opzioni di regali di questo genere, più o meno scontati, che – diciamocelo – saranno poco originali ma possono piacere molto a chi li riceve per la libertà di scelta che permettono. Più liberi di così c’è solo la busta di banconote dei nonni.

– Un regalo per un cinefilo che si lamenta dei cataloghi di Netflix e di Amazon Prime Video: un anno di film più ricercati in streaming su Mubi, per 71,88 euro.
– Un abbonamento a una biblioteca digitale, per chi legge in formato ebook: c’è annuale e mensile e il prezzo varia in base a quanti “prestiti” si vogliono regalare.
– Tra gli abbonamenti non possono mancare quelli alle riviste: qui Internazionale e qui il New Yorker, che arriva anche in Italia.
– Sempre restando in ambito culturale, c’è l’iscrizione al FAI, che permette di visitare alcuni siti in tutta Italia gratuitamente.
– Ma c’è anche un abbonamento alla birra.
– Per i nonni che sanno usare il computer: una carta regalo di Amazon da mandare via email è l’alternativa digitale più vicina alla busta di banconote.
– Per i nonni che sanno usare il computer e si lamentano di vedere raramente i nipoti: una carta regalo di Trenitalia.
– Se volete che i vostri soldi vengano spesi in oggetti culturali come i libri, potete scegliere anche la Happy Card di IBS e la Gift Card Feltrinelli (che si può usare anche nelle librerie fisiche).
– Un lettore forte potrebbe essere entusiasta anche degli abbonamenti della casa editrice Sur: tra gli altri, uno prevede la spedizione di tutti i nuovi libri di scrittori nordamericani che l’editore pubblicherà nel 2018, un altro la spedizione di quelli di scrittori sudamericani.
– Per i prodotti tecnologici invece ci sono le carte regalo di ePrice.
– Se infine vi sarebbe piaciuto regalare un profumo ma non sapevate quale scegliere, una carta regalo delle profumerie Sephora, che si può usare sia online che nei negozi fisici.
– Infine, la parte della redazione che segue il ciclismo, suggerisce questa rivista britannica da regalare ad altri appassionati.

E auguri.

Ora Consumismi ha una sua newsletter, gratis

Qui ci sono tutte le idee per regali del Post giorno per giorno, dal 4 al 24 dicembre.

(Disclaimer: su alcuni dei siti linkati il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni del prezzo; ma potete anche cercarli su Google. Un consiglio: verificate sempre che il sito da cui state acquistando spedisca il prodotto a cui siete interessati entro Natale. L’ultimo controllo fatelo proprio prima di fare “acquista”.)