“Buone Feste!”: il doodle di Google per le feste di Natale

Il doodle delle feste natalizie è una tradizione di Google da tanti anni (il primo risale addirittura al 1999): quest'anno i protagonisti sono dei pinguini in partenza per le vacanze

Ogni anno, nella seconda metà di dicembre, Google realizza un doodle chiamato “Buone Feste!” con cui fa gli auguri ai suoi utenti. I doodle sono quelle animazioni o disegni che sostituiscono il logo del motore di ricerca sulla sua pagina iniziale, per celebrare ricorrenze o anniversari importanti. Quello relativo alle feste natalizie è una tradizione di Google da tanti anni, e il primo risale addirittura al 1999. Il doodle “Buone Feste!” di quest’anno è stato inserito oggi sulla pagina di Google: mostra una famiglia di pinguini che si prepara a trascorrere le vacanze in un posto caldo, e a raggiungere un tucano e altri uccelli tropicali. Quello di oggi è solo il primo doodle di una serie che continuerà nei prossimi giorni con altri “episodi”, e si concluderà a Capodanno.

Il primo doodle “Buone Feste!” era un semplice pupazzo di neve al posto della prima “o” del logo, ma nel corso degli anni si sono evoluti diventando sempre più complessi. Non è la prima volta che Google realizza dei doodle “a puntate” per le feste di Natale: è anzi successo piuttosto spesso, e talvolta i disegni sono stati accompagnati  da giochi interattivi. Negli ultimi tempi, poi, sono stati doodle neutri, senza riferimenti al Natale in modo da raggiungere tutti gli utenti, al di là delle culture e religioni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.