• Mondo
  • giovedì 23 novembre 2017

Bangladesh e Myanmar hanno firmato un accordo per il ritorno dei rohingya in Myanmar

Bangladesh e Myanmar hanno firmato un accordo che prevede il ritorno di centinaia di migliaia di persone di etnia rohingya in territorio birmano. L’accordo, di cui non sono stati diffusi i dettagli, vorrebbe affrontare la crisi iniziata lo scorso agosto con gli scontri tra ribelli rohingya ed esercito nello stato del Rakhine, nel Myanmar occidentale. A seguito degli scontri, centinaia di migliaia di persone erano scappate dalle violenze dell’esercito: avevano superato il confine con il Bangladesh e si erano rifugiate nei campi profughi vicini alla frontiera.

Il governo del Myanmar ha detto che è pronto a ricevere i rohingya «il prima possibile». Diverse organizzazioni internazionali dubitano però che il Myanmar creerà delle condizioni di sicurezza sufficienti per il ritorno dei rohingya, una delle minoranze etniche più perseguitate al mondo.

Profughi rohingya in Bangladesh (MUNIR UZ ZAMAN/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.