• Italia
  • sabato 11 novembre 2017

Edmondo Tamajo, neodeputato della regione Sicilia, è indagato per aver comprato voti in campagna elettorale

È accusato di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione elettorale

Edmondo Edy Tamajo, appena eletto per Sicilia Futura nel parlamento della Regione Sicilia con 14 mila voti, è indagato dalla procura di Palermo per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione elettorale. Tamajo, che ha 41 anni e sosteneva il candidato del centrosinistra Fabrizio Micari, ha ricevuto un avviso di garanzia ed è accusato di aver comprato voti, anche solo a 25 euro l’uno. Tamajo ha respinto le accuse e i suoi avvocati hanno detto che «ne uscirà come parte offesa, per qualcosa che altri hanno commesso alle sue spalle».

Quello di Tamajo non è l’unico caso di irregolarità avvenute durante le elezioni regionali in Sicilia, che si sono tenute il 5 novembre scorso. Nello Musumeci, il candidato sostenuto dalla coalizione di centrodestra, è stato il più votato, con il 39,8 per cento dei voti, e le liste a lui collegate il 42 per cento (e 29 seggi). Visto che ai 29 seggi vanno aggiunti i 7 seggi del listino del presidente, il centrodestra ha raggiunto la maggioranza nel Parlamento regionale con 36 deputati su 70 totali (per approfondire, i risultati li trovate tutti qui).

(Edy Tamajo)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.