• Italia
  • domenica 3 settembre 2017

Tutti e quattro i presunti stupratori di Rimini sono stati arrestati

Stamattina la polizia di Rimini ha arrestato il quarto uomo accusato di essere una delle persone che il 26 agosto hanno violentato una donna a Rimini. È l’unico maggiorenne, e il suo arresto ha seguito quello degli altri tre sospettati membri del gruppo: due si erano costituiti ieri ai carabinieri di Montecchio, in provincia di Pesaro, e il terzo era stato arrestato subito dopo grazie alle informazioni fornite dai primi due. I quattro sarebbero i responsabili di avere stuprato una donna polacca su una spiaggia di Rimini, e di avere picchiato il fidanzato della ragazza, anche lui polacco. Inoltre sono accusati di un secondo stupro, quello di una donna transgender peruviana. I due presunti stupratori che si sono costituiti sono due fratelli di origini marocchine, hanno 15 e 17 anni ed erano già noti alla polizia per una serie di piccoli furti e spaccio; gli altri due presunti stupratori, secondo quanto riporta il Resto del Carlino, hanno 17 e 20 anni: il maggiorenne, Guerlin Butungu, è congolese, il più giovane nigeriano (mentre Repubblica dice che è anche lui congolese).

Il Resto del Carlino dice che Butungu è residente a Vallefoglia, in provincia di Pesaro, e che è arrivato in Italia nel 2015 come richiedente asilo. Anche i due fratelli di origine marocchina sono residenti a Vallefoglia, a Pesaro l’altro ragazzo.

Uno dei ragazzi arrestati per gli stupri di Rimini, il 2 settembre 2017 (Photo LaPresse - Massimo Paolone)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.