• Mondo
  • lunedì 21 Agosto 2017

Una persona è morta investita da un’auto ad una fermata del bus di Marsiglia, la procura dice che non è terrorismo

Questa mattina una donna di 42 anni è morta dopo essere stata investita da un furgone che ha colpito due fermate del bus a Marsiglia. Un’altra persona è rimasta ferita.  La persona alla guida del furgone è stato arrestato, scrivono i media locali. Si tratta di un uomo di 35 anni e non sarebbe originario di Marsiglia. Secondo la procura di Marsiglia, per il momento non ci sono indizi che fanno pensare a un caso di terrorismo. Le indagini al momento si indirizzano verso una «pista psichiatrica».

Secondo i media locali, la donna uccisa ha 42 anni ed è stata colpita intorno alle 9 e 30 nella zona del porto, mentre aspettava il suo autobus. Un uomo di 29 anni era stato ferito un’ora prima ad un’altra fermata del bus in una zona diversa della città. Diversi testimoni dicono che il veicolo che ha compiuto gli investimenti era un furgone bianco. Uno di loro è riuscito a prenderne la targa e questo avrebbe permesso alla polizia di bloccarlo pochi minuti dopo il secondo investimento.

«Al momento non abbiamo informazioni sulle sue motivazioni», ha detto a Reuters un funzionario di polizia a proposito della persona arrestata. Sempre secondo Reuters, l’uomo avrebbe colpito la prima fermata del bus intorno alle 8 e 15 in una zona nel nord della città. Un’ora dopo avrebbe colpito una seconda fermata nella zona del porto, diversi chilometri più a sud. Citando fonti vicine alle indagini, il giornale La Provence scrive che il guidatore del furgone presenta «evidenti e riconosciuti problemi psicologici».

(BORIS HORVAT/AFP/Getty Images)