L'istruttrice Luciana Fuzetti si allena nelle Isole Tijucas, Rio de Janeiro, 22 luglio 2017 (REUTERS/Pilar Olivares via LaPresse)

Sirene di professione

Le foto scattate da Pilar Olivares a chi di lavoro si muove e nuota con una coda di pesce, e insegna ad altri a farlo

sirena

Tra i tanti lavori che esistono al mondo c’è anche quello di chi insegna a fare la sirena: negli ultimi mesi la fotografa di Reuters Pilar Olivares ha fotografato alcune insegnanti in Brasile, durante le loro lezioni o le attività di intrattenimento e volontariato.

Una di loro si chiama Carol Catan, lavora come sirena e insegna il mestiere dal 2012, quando dopo 10 anni ha lasciato il suo lavoro da veterinaria. Carol ha spiegato di avere un debole per le sirene fin dall’infanzia e di essersi ispirata al film Splash – Una sirena a Manhattan (1984) diretto da Ron Howard e con protagonisti Tom Hanks e Daryl Hannah (nel ruolo della sirena). Viene pagata per le lezioni e per partecipare a eventi come feste per bambini o spettacoli negli acquari, ma la parte preferita del suo lavoro da sirena è fare la volontaria negli ospedali, dove si mette in costume sulla sedia a rotelle e parla con i bambini disabili.

sirena

Carol ha spiegato che la domanda per i suoi servizi – calata per la grave crisi economica del Brasile – si è ripresa anche grazie alla telenovela brasiliana A Forca do Querer, in cui una donna inganna la sua famiglia in modo da poter lavorare come sirena in un acquario. D’estate Carol lavora nei parchi acquatici, ma gran parte del suo lavoro è fatto di lezioni e feste private. Si esibisce in una piscina ogni volta che è possibile e grazie ad allenamenti quotidiani riesce a stare sott’acqua fino a 4 minuti.

sirena

Tra le altre insegnanti fotografate da Olivares ci sono Luciana Fuzetti, istruttrice di immersioni, e Thais Picchi, che ha anche eseguito un corso di un mese nelle Filippine per specializzarsi.

sirena

sirena

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.