Collezione (blu) © 2016 Stuart Haygarth

La spazzatura che lasciamo in spiaggia

Le cose che perdiamo o lasciamo lì, raccolte in un progetto fotografico dall'artista inglese Stuart Haygarth

Collezione (blu) © 2016 Stuart Haygarth

Nel febbraio 2011 l’artista britannico Stuart Haygarth ha viaggiato per la costa del sud dell’Inghilterra (partendo da Gravesend e arrivando a Land’s End) raccogliendo la spazzatura che trovava sulle spiagge. Una volta tornato in studio ha diviso gli oggetti in base a colore e categoria e li ha fotografati. Ci sono accendini, pettini e vari giocattoli da mare, ovviamente, che formano un catalogo delle cose che dimentichiamo o non buttiamo in un cestino quando siamo in spiaggia. Il progetto si chiama Strand, che è la vecchia parola inglese e quella attuale tedesca per “spiaggia” ed è diventata anche il titolo di un libro, pubblicato ad aprile da Art/Books.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.