• Moda
  • venerdì 6 maggio 2016

Alessandra Facchinetti lascia Tod’s

Stava lavorando bene, ma non è una novità che resti poco in un’azienda

di Enrico Matzeu – @enricomatzeu
Alessandra Facchinetti dopo la sfilata di Tod's a Milano, febbraio 2015 (GABRIEL BOUYS/AFP/Getty Images)

La stilista Alessandra Facchinetti ha lasciato l’azienda di moda Tod’s dopo tre anni da direttore creativo: in un comunicato stampa ha spiegato di volersi «concentrare su altri progetti messi da parte per poter raggiungere gli obiettivi di Tod’s». Facchinetti è nota per cambiare spesso azienda: da quando ha iniziato a lavorare nella moda è rimasta in ognuna in media un anno e mezzo.

Il presidente di Tod’s Diego Della Valle ha ringraziato Facchinetti per il suo lavoro e aggiunto che «Abbiamo pensato molto a questa decisione e siamo arrivati a questa conclusione dopo una lunga conversazione»: non sono molto chiari i motivi dell’allontanamento, anche perché secondo i critici stava facendo un buon lavoro, disegnando vestiti più contemporanei e sperimentando con i materiali. Facchinetti era stata assunta da Tod’s nel 2013 per rilanciare la linea di abbigliamento, tradizionalmente pensata per una clientela piuttosto classica. Ha utilizzato molto la pelle e realizzato abiti da portare sia di giorno che di sera: li ha presentati solitamente al Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano, inserendo in passerella richiami a quello che l’aveva ispirata per la collezione, come gli arredi dell’architetto e designer Giò Ponti o i quadri del pittore Giovanni Boldini. Nell’ultima sfilata a febbraio, quella per l’autunno/inverno 2016-17, ha lavorato con l’artista performativa Vanessa Beecroft – molto apprezzata tra gli stilisti e richiesta anche da Kanye West – con cui ha realizzato un’installazione dedicata all’artigianato italiano.

Tod’s è una storica azienda italiana di scarpe e prodotti di lusso, fondata nei primi del Novecento da Filippo Della Valle, nonno dell’attuale presidente e amministratore esecutivo Diego Della Valle; il gruppo controlla anche i marchi Hogan e Roger Vivier. Tod’s produce anche capi d’abbigliamento e da qualche anno sfila alla Settimana della moda di Milano.

Alessandra Facchinetti è figlia del musicista dei Pooh Roby Facchinetti e sorella del cantante Francesco Facchinetti. Ha studiato moda all’Istituto Marangoni di Milano, e nel 1993 ha iniziato a lavorare nel gruppo Prada, inizialmente coordinando l’ufficio creativo di Miu Miu, dov’è rimasta per circa sette anni. Nel 2000 fu assunta da Gucci per lavorare con l’allora direttore creativo Tom Ford, che sostituì alla guida del marchio nel 2004. Facchinetti però non convinse molto i capi di Kering (il gruppo del lusso proprietario di Gucci) che dopo un anno la licenziarono e sostituirono con Frida Giannini.

Facchinetti lavorò per alcuni anni da stilista freelance, disegnando per esempio una collezione per l’azienda francese Moncler Gamme Rouge e una per il marchio Pinko. Nel 2007 fu assunta da Matteo Marzotto come direttore creativo della casa di moda Valentino per prendere il posto dello stilista e fondatore Valentino Garavani, che dopo 45 anni aveva deciso di ritirarsi. A Valentino e al suo storico socio Gian Carlo Giammetti non piacque il modo con cui Facchinetti stava ridisegnando il marchio, perché non ne rispettava abbastanza lo stile. In più le vendite non andavano molto bene: dopo due collezioni Facchinetti venne sostituita dal duo di stilisti Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli, che hanno rilanciato il marchio con molto successo. L’annuncio del suo licenziamento uscì a sorpresa sulla stampa il giorno dopo la sfilata di Valentino per la primavera/estate 2009 a Parigi, prima che Facchinetti fosse avvisata dall’azienda.

Mostra commenti ( )