La copertina della Swimsuit Issue 2016 di Sports Illustrated con Ashley Graham (Sports Illustrated, via Instagram)
  • Moda
  • mercoledì 10 febbraio 2016

La prima modella plus size sulla copertina di Sports Illustrated

Si chiama Ashley Graham, porta la taglia 48-50 e comparirà nell'edizione speciale della più famosa rivista sportiva americana

La copertina della Swimsuit Issue 2016 di Sports Illustrated con Ashley Graham (Sports Illustrated, via Instagram)

Ashley Graham, una modella che porta la taglia 48-50, è la prima modella plus size ad apparire sulla copertina della Swimsuit Issue di Sports Illustrated, la più importante rivista sportiva degli Stati Uniti. Negli ultimi due anni Sports Illustrated ha iniziato a dare più spazio a forme di bellezza diverse dai soliti canoni della moda. Si tratta di una tendenza sempre più diffusa nelle riviste americane – tra cui anche Vogue e Vanity Fair – che hanno iniziato a pubblicare immagini di persone che finora sono apparse raramente sulle loro pagine: non bianche, non giovani, non magre.

Il numero di Sports Illustrated di questa settimana è il cosiddetto Swimsuit Issue, ed è dedicato ai costumi da bagno da donna della prossima stagione. Le protagoniste dell’edizione speciale sono cinque modelle che cambiano ogni anno: le cosiddette rookie (“esordiente” in inglese), che compaiono per la prima volta sulla rivista. Ogni giorno della settimana precedente l’uscita dell’edizione speciale il sito di Sports Illustrated ha rivelato il nome di una di loro: la prima, Barbara Palvin, è stata annunciata lunedì 8 febbraio, mentre martedì è stata la volta di Ashley Graham. Le altre modelle che sono state scelte sono Bo Krsmanovic, Sofia Resing e Tanya Mityushina. Il Swimsuit Issue avrà tre diverse copertine e sulle altre due compariranno Hailey Clauson e Ronda Rousey, che sono già comparse sulla rivista.

Le tre modelle sulle copertine del Swimsuit Issue 2016

The 2016 #SISwim Issue comes out today!!! 🎉👙🌴

Una foto pubblicata da Sports Illustrated Swimsuit (@si_swimsuit) in data:

Graham lavora nella moda da quando aveva 12 anni, ora ne ha 29, ed è nota soprattutto per essere una modella di lingerie per il marchio Lane Bryant ed è considerata un esempio di bellezza al di là della taglia che indossa. Ashley Graham sull’edizione Swimsuit Issue di Sports Illustrated

  Without further ado, introducing Rookie No. 2 – @theashleygraham! 👙🔥 Click the link in our bio to find out all about Ashley! #SISwim   Una foto pubblicata da Sports Illustrated Swimsuit (@si_swimsuit) in data:

È solo la seconda volta che una modella plus size appare sul Swimsuit Issue: l’anno scorso tra le rookie c’era Robyn Lawley, che ha una taglia 10, corrispondente alla 44 italiana. Anche Graham era apparsa nell’edizione 2015 dello Swimsuit Issue, non nei servizi di moda ma in una pubblicità del marchio Swimsuitsforall, per cui posa anche quest’anno insieme alle modelle Philomena Kwao, a sua volta plus size oltre che nera, e Nicola Griffin, che ha 56 anni.

Ashley Graham nella pubblicità di Swimsuitsforall

  How do you #SwimSexy? Check out my latest campaign with @swimsuitsforall in @SI_Swimsuit with @nicolajgriffin @philomenakwao to see how we #SwimSexy.   Una foto pubblicata da A S H L E Y G R A H A M (@theashleygraham) in data:

Ashley Graham è famosa anche per aver partecipato a una TEDx conference – cioè le famose conferenze “ispirazionali” lunghe meno di un quarto d’ora – a maggio 2015. In quell’occasione Ashley Graham ha raccontato la sua esperienza di modella e di come i canoni di bellezza andrebbero ridefiniti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.