• Moda
  • martedì 29 settembre 2015

La prima modella con lo hijab per H&M

Compare per alcuni secondi in un video promozionale ed è la prima volta che un grande brand si rivolge alle donne che indossano il velo in Occidente

(YouTube)

In un video promozionale diffuso da H&M nei giorni scorsi compare una modella che indossa uno hijab, il velo utilizzato dalle donne musulmane per coprire la testa e il collo. Il fatto che ci sia una modella musulmana nella campagna pubblicitaria internazionale di uno dei più grandi negozi di abbigliamento è una notizia: è insolito, per ragioni religiose e culturali, vedere modelle in abiti musulmani in pubblicità di marchi occidentali ed è probabilmente un segno che le aziende di abbigliamento si stanno adattando alla multiculturalità dei clienti a cui si rivolgono. Finora diverse aziende hanno creato collezioni adatte alla donne musulmane (Oscar de la Renta, DKNY, Tommy Hilfiger e Uniqlo, ad esempio) ma continuavano a proporle solo nei mercati mediorientali, ignorando questo settore di clientela in occidente.

La modella usata da H&M si chiama Mariah Idrissi, ha 23 anni, porta in effetti lo hijab da quando ne ha 17 e vive a Londra. Ha origini marocchine e pakistane e ha detto di aver partecipato alla pubblicità con il consenso dei suoi genitori. In un’intervista al sito Fusion ha spiegato che le è sempre sembrato che le donne che indossano il velo venissero perlopiù ignorate dal mondo della moda. Ha anche detto che lo staff di H&M è stato premuroso nei suoi confronti, fornendole dei camerini privati e limitando le interazioni con gli uomini: se il cameraman notava qualcosa dell’outifit che doveva essere sistemato chiamava una donna per farlo. Da quando è apparsa nel video ha ricevuto molte richieste di consigli di stile da parte di donne musulmane e ha ricevuto apprezzamenti di tante altre donne che vivono in occidente e vestono lo hijab, dice. Il ruolo dello hijab nelle convivenze tra comunità diverse in Europa e negli Stati Uniti è diventato molto rilevante negli ultimi anni – per il suo valore simbolico ma anche pratico di parziale occultamento dei volti – con dibattiti e polemiche sulla sua regolamentazione.

Il video in questione è stato pensato da H&M per invitare i clienti a portare i propri abiti usati nei suoi negozi e promuovere la sostenibilità, riciclando e limitando gli sprechi. Nel video ci sono diversi personaggi: Idrissi, ad esempio, appare prima di un uomo arabo in tunica, ma ci sono anche uomini in completo, chi porta le calze con i sandali, donne eleganti e chi indossa leggings al posto dei pantaloni o abbina colori insoliti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.