Roberto Bolle ha 40 anni

Foto e video del più famoso ballerino italiano di danza classica, che si è esibito con le più importanti compagnie del mondo (anche di fronte alla Regina Elisabetta)

Roberto Bolle, il più famoso ballerino italiano di danza classica e uno dei più conosciuti e stimati al mondo, compie oggi 40 anni. Bolle è nato a Casale Monferrato, in provincia di Alessandria, il 26 marzo del 1974. Dal 1999 è Ambasciatore di buona volontà per l’UNICEF, dal 2002 è primo ballerino del Teatro alla Scala, e dal 2009 ricopre lo stesso ruolo nell’American Ballet Theatre di New York. Nel corso della sua carriera si è esibito con le principali compagnie di danza al mondo, tra cui il Royal Ballet di Londra, lo Staatsoper di Berlino, la compagnia del Bolshoi di Mosca, e il Tokyo Ballet.

Nel corso della sua carriera ha tenuto esibizioni molto importanti e difficili: per esempio nel 2000 ha aperto la stagione di danza di Covent Garden a Londra con Il lago dei cigni, mentre nel 2003 si è esibito a Buckingham Palace per i 50 anni di regno della regina Elisabetta II. L’anno successivo, nel 2004, si è esibito in piazza San Pietro a Roma per la Giornata mondiale della gioventù, e nel 2006 alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi invernali di Torino. Nel 2012 Bolle – che ha ballato con importanti ballerine come Carla Fracci, Alessandro Ferri, Ambra Vallo e Eleonora Abbagnato – è stato nominato Cavaliere della Repubblica Italiana dall’allora presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Parlando al Corriere della Sera del suo futuro, Bolle ha detto «Credo rimarrò nel campo della danza, forse prenderò la direzione di una compagnia, magari della Scala. Ma non ne sono certo: la vita mi ha sempre stupito».

Roberto Bolle alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi invernali di Torino

Roberto Bolle alle Invasioni Barbariche

Roberto Bolle e Svetlana Zakharova ne “Il lago dei cigni”

Roberto Bolle in “Romeo e Giulietta”

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.