Berlusconi ha ottenuto uno sconto della pena

Il tribunale ha accolto la sua richiesta di liberazione anticipata, come era stato previsto ma contro il parere della procura, e ha ridotto di 45 giorni l'affidamento ai servizi sociali

Il tribunale di sorveglianza ha accolto la richiesta di liberazione anticipata presentata da Silvio Berlusconi, la cui pena ricevuta in via definitiva per il caso Mediaset – l’affidamento in prova ai servizi sociali di un anno – è stata ridotta di 45 giorni e dovrebbe concludersi quindi l’8 marzo. Per quanto non fosse dovuta, la decisione non è sorprendente: già al momento della condanna in molti avevano previsto che Berlusconi avrebbe scontato circa 10 dei 12 mesi per via del meccanismo previsto dalla legge della “liberazione anticipata”. La procura però nei giorni scorsi aveva espresso parere negativo alla richiesta di Berluscioni.

Silvio Berlusconi era stato condannato per frode fiscale in via definitiva nell’agosto del 2013 a quattro anni di reclusione, diventati poi uno a causa dell’indulto. Siccome la legge stabilisce che nel caso in cui la persona condannata abbia compiuto 70 anni al momento dell’inizio dell’esecuzione della pena – Berlusconi aveva 76 anni – questa possa essere scontata nella propria abitazione o in un altro luogo pubblico di cura, assistenza e accoglienza, Berlusconi aveva chiesto e ottenuto l’affidamento ai servizi sociali.

Il caso Mediaset riguarda la compravendita dei diritti televisivi e cinematografici con società statunitensi per 470 milioni di euro delle reti di Silvio Berlusconi e risale al 2003. Con il verdetto della Cassazione è stato accertato che gli acquisti fatti da Fininvest – società di proprietà della famiglia dell’ex PresdelCons – sono stati fatti attraverso due società off-shore, le quali hanno rivenduto i diritti con una forte maggiorazione di prezzo a Mediaset allo scopo di aggirare il fisco italiano. La differenza tra il valore reale e quello finale ha consentito di mettere da parte “fondi neri” per 280 milioni di euro.