Dieci canzoni di Lenny Kravitz

Da riascoltare oggi che compie 50 anni (cinquanta, sì)

Il 26 maggio Lenny Kravitz compie 50 anni, e in effetti a pensarci, sembra in circolazione da sempre. Per chi non se le ricorda e per chi le vuole riascoltare, qui ci sono le dieci sue canzoni che Luca Sofri, il peraltro direttore del Post, scelse per il libro Playlist, la musica è cambiata.

Lenny Kravitz
(1964, New York City, New York)
Lenny Kravitz è una specie di George Michael nero, non si offenda nessuno. Nel senso che è capace di stare contemporaneamente sul fronte della buona musica, delle canzonette da jukebox, e delle riviste di celebrità. Certo, tra la formidabile partenza rock di Kravitz e i coretti dei Wham ci passa un camion in derapata, ma poi lui si è addolcito. Ora fa bei pezzi che si somigliano.

Let love rule
(Let love rule, 1989)
 Le prime parole con cui lennicrà si buttò sul mondo erano “I’m sittin’ on top of the world”, dandosi per piuttosto certo del fatto suo. Questo invece era il secondo pezzo del disco e andava altrettanto sul sicuro: “Looove…”. Grandissima canzone postfricchettona, dove stanno i Beatles e il funky, perfetta per aprire lo show vero e proprio.

Be
(Let love rule, 1989)
In Europa fu il primo singolo a sentirsi e vedersi in giro (“Let love rule” era stata promossa solo in America). E non è che se ne vedessero spesso, così. Monocorde, teso, drammatico, con un ritornello mimetico e quella voce distorta e doppia, in fondo a un tombino. Negli anni successivi Lenny Kravitz divenne una rockstar planetaria da milioni di dischi, ma pezzi così non ne fece più.

Does anybody out there even care
(Let love rule, 1989)
La vera pacchia del primo disco: strofa accogliente di bambagia e sospirata, e poi – bang! – ritornello rock cantato con l’anima e le chitarre. Ancora roba da John Lennon nel bridge. “Ooouuugh!”. È indimenticabile.

It ain’t over til it’s over
(Mama said, 1991)
La canzonetta più beatamente canzonetta della carriera di Lenny Kravitz, molto trallallèra, il cui titolo riguarda una banale vicenda di cuore ma si può tradurre con il nostro calcistico “partita finisce quando arbitro fischia”.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.