Il miglior meme del 2013

Si chiama "doge": un cane di razza shiba accompagnato da buffe frasi colorate in carattere Comic Sans

Girando su Internet negli ultimi mesi vi sarà probabilmente capitato di imbattervi in un meme (cioè un contenuto che per una sua particolare efficacia diventa “virale” su internet, e subisce variazioni, parodie e rielaborazioni) raffigurante un cane di razza shiba, spesso accompagnato da scritte colorate in carattere Comic Sans. Il meme si chiama doge, un termine slang della parola dog, cane: l’Atlantic Wire l’ha definito nettamente il migliore del 2013 e anche il sito “Know Your Meme” l’ha messo al primo posto nella classifica dei meme dell’anno.

Il doge circola dal 2010 ma ha trovato grande diffusione nell’ultimo anno, soprattutto da agosto in poi. La testa del cane è stata photoshoppata su dolci, montagne, maglioni di Natale, e il meme è stato usato per prendere in giro politici statunitensi e canadesi, finché alcuni politici hanno iniziato a usarlo per esprimere alcuni concetti o attaccare gli avversari. Le scritte colorate e spesso sgrammaticate in Comic Sans derivano invece dal Tumblr Shiba Confessions, aperto nel settembre 2012, che accoppia frasi buffe ed estemporanee a foto di cani shiba.

Il sito di tecnologia The Verge ha raccontato la storia del cane protagonista della foto: si chiama Kabosu ed è una femmina di otto anni che vive in Giappone. Kabosu fu adottata nel novembre del 2008 da Atsuko Sato, un’insegnante d’asilo giapponese di 51 anni. Sato ha raccontato che Kabosu era un cane di razza nato in un allevamento, che però aveva chiuso e l’aveva abbandonata con altri 19 cuccioli di shiba in un rifugio per cani. Alcuni, tra cui Kabosu, furono adottati, mentre gli altri furono uccisi. Sato ha anche spiegato che il nome le fu dato da un volontario del centro: il kabosu è un agrume giapponese rotondo, Sato decise di tenerlo perché si adattava perfettamente alla faccia tonda del cane. Dal giugno 2009 Sato cura un blog sui cani abbandonati dove ha pubblicato anche decine di foto di Kabosu, tra cui quella del 23 febbraio 2010 che nel giro di qualche tempo sarebbe diventata il famoso meme. Il blog è diventato il quarto sui cani più letto in Giappone, con 75 mila visite al mese: nel paese Sato e Kabosu sono molti conosciuti, mentre in Occidente Kabosu si è trasformato in un meme impersonale, di cui pochi conoscono la storia.

Oltre al doge di Kabosu è circolato molto un altro meme su un cane shiba, stavolta con una sciarpa rosa al collo e accompagnato da scritte come wow, che classe, livello indie=100, e cose del genere. La foto è stata scattata dal fotografo di San Francisco Jonathan Fleming al suo cane Suki, nel febbraio del 2010. Secondo Fleming il successo del meme doge è dovuto alle espressioni buffe degli shiba: «gli occhi sono tutti neri, sembrano esprimersi solo se li girano e si vede anche il bianco».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.