Le bevande energetiche fanno male?

Per la seconda volta nel giro di pochi mesi, negli Stati Uniti gli energy drink sono stati associati a casi di morte, racconta il New York Times

In base agli esami della Food and Drug Administration degli Stati Uniti (FDA), l’ente governativo che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici, la bevanda energetica 5-hour Energy della società Living Essentials potrebbe essere la causa di tredici decessi nel corso degli ultimi quattro anni.

Come spiega il New York Times, è la seconda volta nel giro di pochi mesi che i cosiddetti energy drink vengono associati a casi di morte negli Stati Uniti: a settembre la FDA aveva seguito il caso di cinque persone morte in modo sospetto dopo aver bevuto la bevanda Monster Energy della società Monster Beverage’s Corp. Tutto era partito dalla denuncia dei genitori di una quattordicenne del Maryland, morta in seguito a complicazioni cardiache dopo aver bevuto due lattine della bibita energetica.

Gli energy drink sono bevande analcoliche che contengono sostanze stimolanti in grado di fornire energie al consumatore. Non vanno confusi con gli sport drink, ovvero quelle bevande destinate alla reidratazione grazie soprattutto ai carboidrati e ai sali minerali. Le sostanze stimolanti variano a seconda del prodotto (non esiste un ingrediente o una formula base che possano definire una bevanda energetica) ma sono principalmente il glucosio, la caffeina, la taurina, la guaranina e diverse vitamine del gruppo B.

I principali consumatori di questo tipo di bevande, che hanno visto un’impennata nelle vendite negli ultimi anni, sono persone tra i 18 e i 35 anni ma anche molti adolescenti. In generale, tra i consumatori ci sono molti studenti che ricorrono agli effetti delle bevande energetiche per aumentare le prestazioni e la capacità di concentrazione durante lo studio. Secondo diverse ricerche, i rischi legati al consumo eccessivo di queste bevande sono molteplici: disidratazione, alterazioni della funzionalità renale e alterazioni del ritmo cardiaco. Pericolosa sarebbe anche l’assunzione di cocktail a base di energy drink e alcool, una miscela che dà al consumatore l’illusione che la bevanda energetica combatta gli effetti sedativi dell’alcool.

Una portavoce della FDA ha spiegato che la bevanda 5-hour Energy è stata citata in circa 90 casi medici, tra cui 30 gravi o pericolosi per la vita: attacchi di cuore, convulsioni e in un caso anche un aborto spontaneo. Durante il 2009 più di 13 mila visite al pronto soccorso sono state associate all’uso di bevande energetiche.

I produttori si difendono sottolineando che non vi è alcun legame dimostrato tra le bevande e le morti e che le percentuali di caffeina nei prodotti risulta completamente conforme agli obblighi previsti dalla legge. Negli Stati Uniti le aziende non sono obbligate a riportare la quantità di caffeina sulle confezioni del prodotto, a differenza della normativa europea che invece lo impone. In Italia, la concentrazione massima di caffeina negli energy drink in commercio è pari a 320 mg per litro ed è obbligatorio specificare sulle etichette avvertenze quali “tenore elevato di caffeina” e l’indicazione “non raccomandati ai bambini, alle donne incinte o alle persone sensibili alla caffeina”.