• Mondo
  • venerdì 11 novembre 2011

Rick Perry da Letterman

Il governatore del Texas ha tentato goffamente di scherzare sul guaio combinato al dibattito di mercoledì sera

Il governatore del Texas, Rick Perry, è stato ospite ieri sera al Late Show with David Letterman, storico programma televisivo statunitense (in Italia lo trasmette Rai5, sottotitolato, con un giorno di differita). La presenza di Perry da Letterman è stata decisa all’ultimo minuto e fa parte del tentativo del governatore del Texas, che è candidato alle primarie repubblicane, di riprendersi dal guaio combinato mercoledì sera durante il confronto televisivo con gli altri candidati repubblicani.

Perry durante i dibattiti è spesso incerto, confuso, a volte si inceppa e dà l’idea di aver perso il filo. Mercoledì sera si discuteva di crisi economica e di ruolo del governo. Perry stava intervenendo e diceva, rivolgendosi a Ron Paul: «Te lo dico, ci sono tre ministeri che al mio arrivo alla Casa Bianca non esisteranno più: Commercio, Istruzione e… qual era il terzo? Vediamo… uhm… uhm…». Nel frattempo la sala scoppiava a ridere. Paul cercava di aiutarlo – «Facciamo cinque?» – ma Perry si barcamenava ancora – «Ok, Commercio, Istruzione e…». E alla fine si arrendeva: «No, la terza non mi viene. Mi dispiace. Ops». Ieri da Letterman si è goffamente preso in giro, interpretando le “Dieci migliori scuse di Rick Perry” secondo un classico format del programma.

10. In realtà ci sono tre ragioni per il mio guaio dell’altra sera. Primo: ero nervoso. Secondo: avevo mal di testa. Terzo, terzo… uhm… oops.
9. Non so di cosa stiate parlando. Secondo me è andata bene.
8. Ehi, ero rimasto sveglio fino a tardi a guardare “Ballando con le stelle”.
7. Pensavo che il dibattito fosse stasera.
6. Sentite, ma voi avete mai provato a concentrarvi mentre Mitt Romney vi guarda sorridendo? È veramente carino.
5. Ehm, el Niño?
4. Avevo bevuto un energy drink che fa effetto per cinque ore, sei ore prima del dibattito.
3. Speravo di andare al mio talk show preferito, invece sono finito qui.
2. Ehi, volevo solo togliere un po’ d’impaccio il mio amico Herman Cain.
1. Ho appena appreso che Justin Bieber è mio padre.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.