Musica indie per bambini

Il mercato della musica per bambini si sta allargando, e ne prendono parte anche band affermate

Non canzoni dolci e ripetitive, ma bei pezzi e temi seri trattati senza accondiscendenza

Il Kindiefest è un incontro che si tiene a Brooklyn ogni anno, con dibattiti, performance e concerti. Dura tre giorni, ed è nato per avere un luogo d’incontro in cui discutere e scambiarsi idee sul mercato e la distribuzione della musica indipendente per bambini. Se istintivamente vi sono venute in mente le canzoncine noiose e ripetitive tipiche delle feste di compleanno dei 3enni, state sbagliando.

La “kindie music” (il nome del genere musicale, un mix tra kinder — bambino — e indie — indipendente) è diventato un mercato rispettato, con canzoni pop dalle tematiche che coinvolgono direttamente i bambini: testi più seri sul bullismo o il divorzio dei genitori, testi più leggeri come un nuovo taglio di capelli, senza sdolcinatezze gratuite né accondiscendenze.

Harriet Barovick, frequentatrice insieme alla figlia di 6 anni del Brooklyn Kindiefest, scrive su Time che

La chiave del successo delle band sono sicuramente le performance, teatrali e divertenti, ma un’altra ragione è che le canzoni sono belle. Così belle che — lo dico fiera e a voce alta — spesso le ascolto anche quando non ci sono i miei figli.

Se fino a qualche anno fa finire a suonare musica per bambini poteva essere considerato un fallimento, ora anche band indie famose come i Weezer o gli Shins fanno apparizioni in progammi tv per bambini, e gruppi come i They Might Be Giants sono passati a essere ancora più famosi per i loro dischi di kindie music.

“Quando ho iniziato la gente mi diceva che le canzoni per bambini devono essere dolci e ripetitive, ma ho scoperto che non è assolutamente così”, dice Justin Roberts, ormai al suo settimo disco di kindie music. “Scrivo roba che mi fa sentire qualcosa, e spero che ai ragazzini piacerà come piace a me”. A giudicare dalla folla al suo concerto, sembrerebbe decisamente di sì.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.