Una storia che vi renderà simpaticissimo Roger Moore

Una storia che vi renderà simpaticissimo Roger Moore

Il 23 maggio l’attore britannico Roger Moore è morto a 89 anni. Era famoso soprattutto per aver interpretato sette volte James Bond e per aver recitato nelle serie tv Il Santo Attenti a quei due. Marc Haynes ha pubblicato su Facebook un testo in cui spiega cosa successe le due volte che lo incontrò.

Più meno nel 1983, quando avevo sette anni, prima che gli aeroporti avessero le lounge per i viaggiatori di prima classe, ero con mio nonno all’aeroporto di Nizza e vidi Roger Moore seduto in attesa di prendere un aereo, che leggeva un giornale. Dissi a mio nonno che avevo appena visto James Bond e gli chiesi se fosse possibile andare da lui per chiedergli un autografo. Mio nonno non aveva idea di chi fossero James Bond o Roger Moore, così andammo da lui e mi ci piazzò davanti, dicendo: «Mio nipote dice che sei famoso, potresti fargli un autografo?».

Con la massima gentilezza possibile Roger chiede il mio nome e firma per bene il retro del mio biglietto aereo con una frase gentilissima. Io sono felicissimo, ma mentre torniamo ai nostri posti butto un occhio alla firma. Non si capisce bene, ma di certo non c’è scritto James Bond. Mio nonno guarda l’autografo e capisce che c’è scritto Roger Moore. Non ho idea di chi sia Roger Moore e inizio a starci male. Dico a mio nonno che ha sbagliato a firmarlo, che l’ha fatto con il nome di qualcun altro. Così mio nonno torna da Roger Moore, con in mano il biglietto autografato. Mi ricordo che mentre sono ancora seduto al mio posto, mio nonno gli fa: «Mio nipote dice che hai firmato con il nome sbagliato, che il tuo nome è James Bond». Roger Moore fa una smorfia, capisce, e mi dice di andare da lui. Quando gli sono vicino si abbassa, si guarda intorno, alza un sopracciglio e con voce bassa mi dice: «Ho dovuto scrivere “Roger Moore” perché altrimenti… Blofed [il nemico di James Bond] potrebbe scoprire che sono qui». Mi chiese quindi di non dire a nessuno di aver visto James Bond, dicendomi che dovevo tenere il segreto. Tornai contentissimo a sedere. Mio nonno mi chiese se c’aveva scritto “James Bond”. Gli dissi di no, che mi ero sbagliato. Ero quindi diventato un alleato di James Bond.

Molti, molti anni dopo, stavo lavorando alla sceneggiatura di una cosa che aveva a che fare con l’Unicef e Roger Moore ci stava recitando come ambasciatore. Fu gentilissimo e mentre i cameramen stavano sistemando le cose gli raccontai di quella volta in cui lo incontrai all’aeroporto di Nizza. Ne fu felice, fece una risatina e disse: «Beh, non me ne ricordo ma sono felice che tu abbia incontrato James Bond». Fu bellissimo.

Poi fece una cosa geniale. Dopo le riprese mi passò vicino in un corridoio, andando verso la sua macchina. Quando mi fu accanto si fermò, si guardò intorno, alzò un sopracciglio e con voce bassa mi disse: «Certo che me lo ricordo quell’incontro a Nizza. Ma prima non potevo dire niente, con tutti quei cameramen attorno: avrebbero potuto essere uomini di Blofed». Avevo 30 anni e la felicità fu la stessa che provai quando ne avevo sette. Che uomo straordinario.

Il nuovo trailer del nuovo “Spider-Man”

Il nuovo trailer del nuovo "Spider-Man"

La Marvel ha pubblicato su YouTube un nuovo trailer di Spider-Man: Homecoming, che uscirà a luglio. Dopo i film (non della Marvel) in cui Spider-Man era interpretato da Tobey Maguire e Andrew Garfield, questo è quello in cui Spider-Man è amico di Tony Stark (della Marvel) ed è interpretato da Tom Holland, che già aveva recitato vestito da Uomo Ragno in Captain America: Civil War. Il nuovo trailer inizia proprio da una scena di quel film, ripresa da un diverso punto di vista. Poi si vede il cattivo, interpretato da Michael Keaton, che parla di Spider-Man come di un «bastardello con una calzamaglia rossa».

In italiano:

In inglese:

Il poliziotto che ogni band vorrebbe trovare

Il poliziotto che ogni band vorrebbe trovare

Sabato 20 maggio gli adolescenti che compongono il gruppo rock Vinyl Ambush stavano suonando all’aperto, in una festa privata a Mississauga, nel sud del Canada. Sono arrivati due poliziotti – forse chiamati da qualche vicino infastidito dal rumore – e hanno semplicemente chiesto di abbassare un po’ il volume e non andare avanti fino a tardi. Dopo circa mezz’ora, però, i poliziotti sono tornati e uno di loro ha chiesto di poter suonare un po’ la batteria con i Vinyl Ambush: prima di andarsene, ha detto loro di non mollare, che anche lui suonava e il suo più grande rimpianto è aver smesso.

Nuovo Flash