La strana storia del missile, spiegata bene

Perché un gruppo di uomini di mezza età aveva nascosto un missile in un hangar vicino a Pavia? E cosa c'entrano Matteo Salvini, la Russia e l'Ucraina?

Lunedì scorso la polizia italiana ha compiuto un sequestro senza precedenti: in un hangar in provincia di Pavia, ha trovato un missile aria-aria lungo all’incirca tre metri e pesante quasi una tonnellata. Tre persone sono state arrestate per il possesso del missile: i due titolari della società proprietaria dell’hangar e l’uomo che stava cercando di vendere il missile. Nella casa di quest’ultimo, che nel 2001 si era candidato al Senato con il movimento neofascista Forza Nuova, sono state trovate numerose altre armi, oltre a vari cimeli nazisti.

La storia ha immediatamente attirato molta attenzione e preoccupazione, in particolare per l’orientamento politico di almeno uno dei tre arrestati e per il timore che gruppi estremisti di destra abbiano iniziato ad “armarsi”, peraltro in modo così pesante. Inoltre la polizia ha parlato del coinvolgimento nel sequestro di gruppi di estremisti che hanno combattuto nel conflitto in Ucraina Orientale, e questo farebbe pensare che nella vicenda possa essere implicata anche la Russia. Anche il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ci ha messo del suo nel rendere il tutto ancora più oscuro, sostenendo che l’indagine sia partita grazie a una sua segnalazione e che in realtà i proprietari del missile volevano uccidere lui stesso.

Per comprendere questa vicenda la cosa migliore è proprio partire dalla dichiarazione di Salvini. La smentita è arrivata praticamente subito: già ieri, poche ore dopo le sue dichiarazioni, fonti della polizia e della magistratura spiegavano alle agenzie che in realtà le indagini sulle minacce a Salvini non avevano portato a nulla e che nessuno aveva intenzione di usare il missile ritrovato per ucciderlo. Anche perché il missile era senza esplosivo: ha bisogno di un moderno aereo da guerra per essere sparato (ci torneremo tra poco).

Tra gli altri, la storia è stata raccontata da Giovanni Bianconi sul Corriere della Sera. Lo scorso agosto Salvini segnalò alla polizia che un misterioso cittadino russo – che sosteneva di essere un’ex spia del KGB – lo aveva avvertito di un piano per ucciderlo portato avanti da alcuni neonazisti ucraini. Dopo una rapida indagine, la polizia scoprì che la spia era un millantatore e che non c’era alcun piano segreto per uccidere il ministro dell’Interno.

Nel corso dell’indagine però furono intercettati cinque italiani che avevano combattuto in Ucraina accanto ai militanti nazionalisti di estrema destra che lottano contro i ribelli filo-russi. Nei vari articoli di questi giorni che trattano la vicenda, questi italiani vengono descritti a loro volta come un gruppo di estremisti di destra, anche se non viene mai specificato il loro gruppo di appartenenza (l’estrema destra italiana è molto divisa sulla questione ucraina: una parte appoggia i movimenti neofascisti ucraini contro la Russia, altri invece appoggiano il presidente russo Putin contro gli ucraini). Per il momento non risulta che siano stati presi provvedimenti contro i cinque miliziani.

Dopo lunghe indagini infruttuose, circa quattro mesi fa uno degli appartenenti al gruppo che aveva combattuto in Ucraina venne contattato da un mediatore che gli propose un affare per conto di Fabio Del Bergiolo, un uomo di 60 anni di Gallarate: l’uomo arrestato per il possesso del famoso missile. Del Bergiolo proponeva a uno degli ex miliziani italiani l’acquisto del missile, ma l’altro gli fece chiaramente capire che era troppo pericoloso.

A quanto pare Del Bergiolo non era il vero proprietario del missile, ma solo una sorta di intermediario incaricato di trovare un compratore. Gli investigatori hanno detto all’ANSA che Del Bergiolo puntava a venderlo per 470 mila euro e aveva contattato tra gli altri possibili compratori un funzionario di uno stato estero. Del Bergiolo sembra anche la principale ragione per cui gli investigatori hanno collegato la vicenda all’estremismo di destra: era stato iscritto a Forza Nuova, che lo aveva candidato al Senato nel 2001, mentre in casa sua gli investigatori hanno trovato numerosi cimeli nazisti (Forza Nuova ha fatto sapere che Del Bergiolo da anni non aveva più rapporti con il partito).

Del Bergiolo vive a Gallarate insieme alla madre. È stato per diversi anni un ispettore dell’Agenzia delle dogane, ma venne licenziato alcuni anni fa dopo che si scoprì che aveva organizzato una truffa ai danni di alcuni turisti stranieri. Una vicina di casa lo ha descritto così al quotidiano La Stampa: «Passava il tempo a odiare i migranti. Li malediceva. Usava frasi irripetibili contro i vescovi che li accolgono. Per Pasqua mi ha mandato delle foto di donne nude vestite da naziste, era ossessionato dalle armi». A proposito delle numerose altre armi che gli sono state trovate in casa, soprattutto pistole e fucili d’assalto, il suo avvocato ha sostenuto che Del Bergiolo sia un semplice collezionista.

A quanto pare il missile apparteneva ai due titolari dell’hangar in cui è stato ritrovato: lo svizzero Alessandro Monti, 42 anni, e l’italiano Fabio Bernardi, 51 anni, due imprenditori che commerciano parti di ricambio di aerei. Fino a due mesi fa, hanno detto gli investigatori all’ANSA, il missile apparteneva a un’altra persona ancora, un residente a Milano che lo aveva poi ceduto ai due titolari dell’hangar. Per il momento non sono emersi particolari legami tra le tre persone che hanno avuto il missile nella loro disponibilità e le organizzazioni di estrema destra.

Il missile è di per sé un oggetto piuttosto insolito e curioso: è un Matra 350, di fabbricazione francese e di proprietà delle forze armate del Qatar. L’esemplare sequestrato è stato assemblato nel 1980 e, secondo quanto scritto sul sito della Polizia, era privo della carica esplosiva e quindi non poteva causare alcun tipo di danno (ma ci sono informazioni discordanti su questo particolare). È inoltre di un missile aria-aria, cioè che viene lanciato da un aereo per colpire un altro aereo.

In altre parole, non è un missile portatile che può essere usato da una sola persona o da un piccolo gruppo di persone, ma è un’arma complessa che – senza possedere una complicata e costosa serie di equipaggiamenti, tra cui un moderno aereo da combattimento del costo di decine di milioni di euro – è abbastanza inutile, anche considerando il fatto che non aveva esplosivo nella testata.

In conclusione: per quel che ne sappiamo oggi, il missile non serviva certo a uccidere Salvini e, con ogni probabilità, non avrebbe potuto uccidere nessuno. Non era nelle mani di un gruppo di neonazisti o altri estremisti, ma è invece passato di mano tra una serie di imprenditori italiani e svizzeri, gli ultimi dei quali ne hanno affidato la vendita a un ex candidato di Forza Nuova con simpatie neonaziste che, tra gli altri, ha provato a venderlo a un altro gruppo di estremisti che avevano combattuto accanto al governo ucraino e contro le milizie filo-russe dell’Ucraina orientale, che però si rifiutò di compiere l’acquisto. Resta da chiarire come e da dove il missile fosse arrivato in Italia.

Continua sul Post