Colletti bianchi giapponesi, sfiniti

Dal troppo lavoro e dall'alcol in cui cercano una via di fuga, finendo per addormentarsi scomposti in giro, come mostrano le fotografie di Kenji Kawamoto

Yopparai Tengoku (Drunkards' Heaven) - Kenji Kawamoto

Il Giappone è famoso per il forte senso del dovere e per la profonda dedizione al lavoro, che si traduce spesso in molte ore in ufficio con ritmi frenetici, pretese di alte prestazioni e mansioni alienanti. Si possono vedere impiegati e studenti addormentati nei luoghi più improbabili, dalla metro, al ristorante, all’ufficio, anche se si tratta del cosiddetto “inemuri“, un sonnellino in pubblico socialmente accettato che sembra strano soltanto a noi occidentali. Queste fotografie di Kenji Kawamoto mostrano invece persone addormentate e abbandonate a terra perché sfinite dal troppo lavoro e spesso dall’alcol, con cui cercano di dimenticare la stanchezza e la fatica della vita quotidiana, e che a volte rappresenta l’unico momento della giornata in cui rilassarsi insieme agli altri. Esiste anche un termine per indicare l’abitudine a bere troppo alla fine della giornata o della settimana lavorativa, correndo il rischio di addormentarsi per strada: nomisugi.

Kawamoto ha fotografato queste persone a Tokyo e ha spiegato: «Le mie fotografie raccontano le persone che hanno raggiunto il limite ed esaurito le forze dopo il tran-tran quotidiano. Ho scattato queste immagini con un autentico sentimento di rispetto per le persone ritratte. Non penso che il loro stato sia squallido, in alcun modo. Capisco i disagi e la fatica che hanno vissuto per finire in quella situazione».

Sui social network esistono anche pagine che raccolgono foto dei cosiddetti salaryman, l’equivalente del nostro “colletti bianchi”, addormentati, come I Love Salaryman in Tokyo. Due anni fa si era molto parlato di una campagna pubblicitaria commissionata alla grande società americana Ogilvy & Mather per scoraggiare la tendenza: invitava chi trovava le persone svenute a fotografarle e condividerle con l’hashtag #nomisugi, per sfruttare la paura e la vergogna dei giapponesi nel veder pubblicata sui social network una foto che li ritrae ubriachi e addormentati per strada.

Mostra commenti ( )