Le nuove “quote” per il cinema italiano in tv

Dal 2019 tutte le tv – ma anche Netflix e Amazon Video – saranno obbligate a trasmettere o produrre più film, fiction e programmi italiani

Lunedì 2 ottobre il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legislativo – quindi su delega del Parlamento – che ha lo scopo di promuovere il cinema italiano ed europeo sulle televisioni italiane: di fatto, lo fa obbligando le televisioni private e la Rai a trasmettere un certo numero di film e di fiction italiane ed europee. Il decreto, quindi, interviene sulla programmazione non solo della televisione pubblica ma anche di quelle private, ed è stato per questo criticato dalle emittenti: Rai, Mediaset, Sky, Discovery, La7, Viacom, Fox, Disney e De Agostini hanno scritto in una lettera al ministro della Cultura che il decreto «risulta costituire di fatto una nuova imposizione insostenibile a danno dei maggiori operatori televisivi nazionali». Ad attirare le critiche c’è anche il fatto che il decreto si applica anche a Netflix e Amazon Video, due servizi di streaming di film e serie tv online: aziende private, americane e con funzionamenti molto distanti da quelli delle tv tradizionali italiane.

La nuova legge sul cinema prevede che dal 2019 aumenti gradualmente la quota minima giornaliera di programmazione dedicata a «film, fiction e programmi» di produzione europea: nel 2019 dovrà raggiungere il 55 per cento (per il 2018 era già stata fissata al 50 per cento), nel 2020 il 60 per cento. Le percentuali si intendono sul totale della programmazione giornaliera, esclusa la pubblicità, le televendite, i quiz, i telegiornali e lo sport. Di questi programmi europei, almeno un terzo dovrà essere italiano; per la Rai, invece, dovrà esserlo almeno la metà. Nella prima serata, tra le 18 e le 23, tutte le reti dovranno trasmettere almeno una volta a settimana un film, una fiction, un documentario o un film di animazione italiani. La Rai dovrà trasmetterne almeno due. Aumentano anche le percentuali di ricavi che le reti dovranno obbligatoriamente investire in film, fiction e programmi di produzione europea: il 18,5 per cento nel 2019, il 20 per cento nel 2020 per la Rai, e il 12,5 per cento nel 2019 e il 15 per cento nel 2020 per le altre reti. Di questi, è prevista una quota minima da investire nella produzione di film italiani: per la Rai si va dal 4 per cento del 2018 al 5 per cento del 2019, mentre per le altre emittenti si va dal 3,5 per cento nel 2018 al 4 per cento del 2020.

Come ha spiegato il ministero dei Beni Culturali, la legge si basa sulle indicazioni dell’Agcom, e per quanto riguarda Netflix e Amazon anticipa una richiesta dell’Unione Europea, che vuole che i servizi di streaming on demand investano di più nelle produzioni europee. Il ministero dice anche che il decreto si ispira al modello francese, «che, sin dagli anni Ottanta, rappresenta uno tra gli esempi più virtuosi in materia di promozione di opere europee e nazionali». Ci sono però alcune differenze importanti: la principale è che in Francia esiste un Centre national du cinéma (CNC), cioè un ente autonomo dal ministero che si occupa di governare il settore. I fondi gestiti dal CNC sono poi molto più consistenti di quelli previsti dalla legge sul cinema, che per buona parte aiuta il cinema italiano con esenzioni fiscali e agevolazioni.

Per chi non rispetterà i nuovi obblighi sono previste multe da 100mila fino a 5 milioni di euro, o al al 3 per cento del fatturato se superiore ai 5 milioni. Nonostante la legge abbia ricevuto diffuse critiche, c’è anche chi ha detto di essere d’accordo, come l’Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive, l’associazione 100autori, e tra gli altri i registi Gabriele Salvatores e Daniele Luchetti.