defend
  • Mondo
  • lunedì 19 giugno 2017

PayPal ha tolto l’uso del suo servizio a un gruppo di estrema destra anti-migranti

Génération identitaire chiedeva soldi per ostacolare le Ong nel Mediterraneo, dopo molte critiche PayPal ha deciso di fare qualcosa

defend
La homepage del sito "Defend Europe"

PayPal, la famosa società di pagamenti online, ha smesso di rendere il suo servizio disponibile a un gruppo di estrema destra francese che stava raccogliendo soldi per impedire le operazioni di soccorso dei migranti nel mar Mediterraneo. Il gruppo si chiama Génération identitaire (Génération ID) ed era nato nel 2012 come organizzazione giovanile del movimento di estrema destra Bloc identitaire. Gestisce il sito Defend Europe – in italiano, tedesco e inglese, oltre che francese, dato che Génération ID è seguito anche nel resto d’Europa – con cui da maggio chiede dei soldi per mettere insieme «una squadra di professionisti, affittare un’imbarcazione e navigare nel Mediterraneo». Lo scopo dell’operazione è ostacolare il lavoro delle Ong che soccorrono i migranti, che secondo Génération ID collaborerebbero con gli scafisti. È un’accusa di cui si è parlato negli scorsi mesi e che però non è mai stata provata. Su Defend Europe, Génération ID dice anche che nel caso in cui una delle proprie imbarcazioni dovesse incontrare dei migranti in difficoltà li soccorrerebbe per riportarli sulle coste dei paesi africani da dove sono partiti (violando probabilmente la norma del diritto marittimo che prevede lo sbarco nel “primo porto sicuro”).

PayPal ha tolto a Génération ID la possibilità di usare il proprio servizio per la raccolta fondi, che comunque è tuttora in corso, dopo avere ricevuto per settimane email di protesta e minacce di boicottaggio sui social network da diversi utenti francesi. Per criticare PayPal era nato anche l’hashtag #StopDefendEuropePaypal.

Della storia si è occupato anche il sito di news francese Rue89, che ha parlato sia con Génération identitaire sia con PayPal. Clément Galant, un membro del gruppo di estrema destra, ha detto che parte dei fondi che erano stati donati usando PayPal è stata effettivamente ricevuta, mentre il resto, la maggior parte, è stata bloccata e restituito a chi aveva fatto le donazioni. All’inizio di giugno Génération identitaire aveva scritto su Twitter di essere riuscito a raccogliere 65mila euro. Non si sa se Génération identitaire avesse davvero raccolto così tanti soldi prima che PayPal gli togliesse la possibilità di usare il proprio servizio.

PayPal non ha voluto rispondere alle domande di Rue89 per ragioni di «segreto bancario» e per la propria «politica di riservatezza»; ha detto ai giornalisti di rifarsi a quanto scritto nel proprio regolamento, e cioè:

È vietato l’utilizzo del servizio PayPal per attività che:
1. violano qualsiasi legge, statuto, ordinanza o regolamento;
2. riguardano la vendita di (…) oggetti che incoraggiano, promuovono, facilitano o forniscono istruzioni per lo svolgimento di attività illegali (…)

Per pubblicizzare l’operazione Defend Europe e dare una dimostrazione di ciò che vorrebbe fare con i soldi raccolti con la propria campagna, il 12 maggio Génération identitaire ha cercato di bloccare la nave Aquarius, affittata dalle associazioni SOS-Méditerranée e Medici senza frontiere, nel porto di Catania, in Sicilia. L’imbarcazione di Génération identitaire è poi stata allontanata grazie all’intervento della Guardia Costiera italiana.

Non è la prima volta che PayPal viene criticato per aver offerto il suo servizio a organizzazioni che incitano all’odio verso determinati gruppi. Ad esempio, dopo la strage alla chiesa di Charleston, nel 2015, PayPal fu molto criticata per avere dato la possibilità di usare i propri servizi all’organizzazione Council of Conservative Citizens (CCC), che incitava le persone bianche a uccidere le persone nere e che aveva ispirato l’attentatore Dylann Roof. Anche quella volta, dopo le critiche decise di sospendere il suo servizio.

Mostra commenti ( )