• Mondo
  • domenica 18 giugno 2017

Un mese a bordo di una nave che soccorre i migranti

L'ha passato il bravo fotografo Chris McGrath, che ha raccontato al Post le cose che lo hanno colpito di più

moas chris mcgrath

Di recente il fotografo australiano Chris McGrath ha passato quasi un mese a bordo di una nave di MOAS, una delle più note ONG che soccorrono i migranti al largo delle coste della Libia. McGrath – che lavora con l’agenzia Getty Images da 16 anni – non è nuovo a incarichi del genere: ultimamente ha coperto anche il tragitto dei migranti dalla Turchia alla Grecia, mentre nel corso della sua carriera si è occupato di altre emergenze umanitarie come lo tsunami del 2004 nell’Oceano Indiano. Parlando col Post, McGrath ha raccontato che in queste settimane sulla nave di MOAS lo hanno colpito diverse cose.

(attenzione, alcune immagini sono forti)

McGrath ha detto di aver partecipato a tre missioni di soccorso dal 12 maggio al 12 giugno (con una pausa di 9 giorni in porto per alcune riparazioni): per tre volte, cioè, la nave Phoenix di MOAS ha fatto avanti e indietro dalle coste libiche ai porti italiani per trasportare i migranti soccorsi in varie operazioni. Uno dei naufragi a cui ha assistito a bordo della Phoenix è stato anche uno dei più mortali delle ultime settimane: è avvenuto a Zuara, vicino alle coste della Libia, e si stima che siano morte almeno 31 persone.

moas chris mcgrath

McGrath ha raccontato che oltre a fotografare le operazioni di soccorso, il suo lavoro si è concentrato su cosa succede una volta che le persone salgono a bordo della Phoenix per essere trasportate in Italia (un aspetto che raramente viene raccontato pubblicamente). Al Post ha raccontato:

Dopo un salvataggio, i migranti e i richiedenti asilo vengono portati a bordo e su di loro viene eseguito un controllo sanitario. Successivamente vengono classificati con un numero e le loro informazioni sanitarie. La Phoenix ha un sistema molto professionale: dispone di una clinica aperta 24 ore su 24 con un medico e due paramedici che si occupano di ferite o problemi vari. Durante uno dei soccorsi a cui ho assistito, un uomo è stato trasportato via in elicottero perché le sue condizioni erano gravi; il giorno dopo, una donna ha avuto un infarto. A bordo, ci sono state molte altre emergenze, alcune di poco conto e alcune più serie. Quasi tutti quando vengono soccorsi sono disidratati.

moas chris mcgrath

McGrath ha anche notato alcune differenze fra la tratta che si era sviluppata dalle coste turche alle isole greche – di cui si è occupato in passato – e quella che parte dalle coste libiche:

La differenza più grossa per me sta nella distanza fra il luogo di partenza e di arrivo. Partendo dalla Turchia, le coste greche sono a vista: puoi vedere dove stai andando. Nella rotta fra Italia e Libia la distanza è molto più ampia [fra Zuara e le coste della Sicilia ci sono circa 500 chilometri, ndr], e alla partenza non c’è modo di vedere il punto di arrivo.

L’incarico di McGrath si è concluso pochi giorni fa, quando l’ultima operazione di soccorso che ha documentato è arrivata al porto di Reggio Calabria per sbarcare i migranti soccorsi nei giorni precedenti. McGrath ha raccontato che per lui i giorni degli sbarchi in Italia sono stati «i più tristi di tutti»:

Tutte le persone a bordo erano diventate entusiaste non appena avevano visto la costa e i porti italiani: c’era così tanta trepidazione per la fine del loro viaggio, c’erano sorrisi, abbracci, agitazione, e qualche canto. Queste emozioni si sono trasformate rapidamente in una quiete nervosa quando sono apparse all’orizzonte le tende bianche, i pullman e la polizia. Molti di loro credevano che una volta scesi dalla nave sarebbero stati liberi di farsi una nuova vita in Italia, e non sapevano che davanti avrebbero avuto mesi o anni di pratiche legali, vita nei campi o nei centri di accoglienza o la deportazione, per alcuni di loro. Assistere a questo passaggio – dal sogno alla realtà – è sempre stato duro.

moas chris mcgrath

McGrath ha vinto due volte il World Press Photo, il più prestigioso concorso di fotogiornalismo al mondo. Nel 2013 vinse il terzo premio nella categoria Sports Action per una foto scattata alle Olimpiadi di Londra del 2012, mentre nel 2014 vinse il primo premio nella categoria storie per le “general news” con una foto scattata a una costa filippina dopo un tifone.

MOAS (Migrant Offshore Aid Station) è stata fondata nel 2015 dagli imprenditori Christopher Catrambone e Regina Catrambone. Nei primi mesi del 2017 le sue navi hanno soccorso circa 4mila persone.

Mostra commenti ( )