Amministrative Roma

Che aria tira a Roma

A che punto è la campagna elettorale in vista della più attesa e incerta tra le prossime elezioni amministrative: il centrodestra ha scelto Bertolaso, PD e M5S decideranno presto

Amministrative Roma
(FABIO CAMPANA/ANSA)

Il prossimo giugno si voterà per le elezioni amministrative in 25 comuni capoluoghi di provincia e probabilmente in nessuna città il voto è allo stesso tempo importante e incerto come a Roma. Secondo i sondaggi ognuna delle tre principali forze politiche del paese – il PD, il centrodestra e il Movimento 5 Stelle – è poco sotto il 30 per cento dei consensi; il centrosinistra arriva da una lunga tradizione di governo finita malissimo. Quelle di Roma infatti sono elezioni anticipate, arrivate in seguito alla decadenza da sindaco di Ignazio Marino – dopo le sue dimissioni e il ritiro di quelle dimissioni – e una delle stagioni politiche più confuse e drammatiche per la città, a causa degli scandali, delle inchieste giudiziarie e dell’impopolarità dell’amministrazione pubblica. Secondo i giornali e gli opinionisti, oggi la città è un “disastro” e il tema principale che evocano candidati e aspiranti in questo inizio di campagna elettorale è uno solo: “salvare la capitale”.

I sondaggi
Secondo gli ultimi sondaggi, pubblicati tra la fine di gennaio e i primi giorni di febbraio, la situazione a Roma è molto equilibrata: PD, M5S e centrodestra (formato da Fratelli d’Italia, il gruppo più forte, Forza Italia, Lega Nord e altri gruppi minori) hanno ciascuno poco meno del 30 per cento dei consensi. C’è poi un candidato “indipendente” ma appoggiato da NCD, Alfio Marchini, che è dato intorno all’8 per cento; Sinistra Italiana, che ha candidato il deputato Stefano Fassina, è data intorno al 4 per cento. I numeri delle forze principali vanno presi con prudenza, visto che quando sono stati realizzati i sondaggi non era stato nominato ancora nessun candidato. Ma ci sono comunque degli indizi interessanti: per esempio il M5S ottiene buoni risultati anche presso gli elettori di centrodestra e questo potrebbe essere un problema per il PD se arrivassero insieme al ballottaggio. La situazione comunque è ancora troppo incerta per fare previsioni.

Il Partito Democratico
Il PD romano si trova da anni in una situazione difficile e caotica. Oggi è commissariato, cioè guidato da una figura nominata dal segretario che ha il compito di amministrare il partito con poteri quasi assoluti: si tratta del presidente del partito Matteo Orfini, di solito molto esplicito nelle sue critiche al partito romano. Interi circoli sono stati chiusi e svariati dirigenti locali rimossi a causa di scandali, cattiva amministrazione e gestione poco chiara dei tesseramenti al partito. Il PD inoltre è diviso sulla valutazione dell’ex sindaco Ignazio Marino.

In questo clima il PD sceglierà il suo candidato il prossimo 6 marzo con le primarie. Il favorito è Roberto Giachetti, vicepresidente della Camera, ex radicale, probabilmente il candidato attualmente più noto al pubblico. Gran parte del PD romano appoggia la sua candidatura. Giachetti viene spesso definito dai giornali un renziano “atipico” o un altro aggettivo equivalente, nel senso che appartiene all’ala maggioritaria del PD ma non fa parte alla cerchia dei sostenitori più stretti di Renzi e ha una storia molto indipendente da lui. Quando si parlava di inserire le preferenze nella legge elettorale, per esempio, Giachetti si schierò contro la posizione di Renzi, che aveva deciso di appoggiarne l’introduzione. Giachetti è stato dal 1993 al 2001 capo di gabinetto del sindaco di Roma Francesco Rutelli. Di lui Renzi ha detto: «Conosce Roma meglio di chiunque altro».

Il suo principale sfidante è il deputato Roberto Morassut, storico esponente del PD romano e dal 2001 al 2008 assessore all’urbanistica nella giunta di Walter Veltroni. Morassut è ufficialmente appoggiato dall’ala sinistra del PD, guidata da Pierluigi Bersani, ma in diverse interviste ha respinto le etichettature e l’immagine di essere il candidato “anti-renziano”, dicendo per esempio: «Non sono un “bersaniano”». Quello che lo divide da Giachetti è soprattutto la valutazione dell’eredità del sindaco Marino, uno dei temi principali sui cui si giocheranno le primarie del PD.

Secondo Giachetti, Marino avrebbe dovuto dimettersi al momento dello scandalo “Mafia Capitale”, nel dicembre 2014, e quindi candidarsi a nuove elezioni. Giachetti è sempre stato molto cauto nelle sue dichiarazioni pubbliche, ma verso la fine della giunta Marino ha criticato duramente il comportamento dell’ex sindaco. Morassut, invece, valuta in maniera più generosa l’amministrazione Marino e ha più volte detto che il suo principale obiettivo nella campagna elettorale per le primarie è recuperare i voti che il PD ha perso nella gestione del caso Marino. Per il suo staff ha scelto diverse persone che hanno avuto ruoli importanti nella giunta Marino, come Valeria Boglio, presidente dell’assemblea comunale dal dicembre 2014.

Gli altri candidati alle primarie sono Stefano Pedica, ex IDV di lungo attivismo in Lazio, che ha promesso in caso di vittoria di cercare di formare una giunta sostenuta dal M5S; Domenico Rossi, generale dell’esercito, eletto deputato con Scelta Civica e attualmente sottosegretario alla Difesa; Gianfranco Mascia, portavoce dei Verdi e tra gli animatori del movimento “Popolo Viola”. Il sesto candidato è Chiara Ferraro, 24 anni, affetta da autismo. Ferraro non è riuscita a raccogliere il numero minimo di firme necessarie per partecipare alle primarie, ma la segreteria del PD Lazio ha deciso di ammetterla comunque in nome delle “importanti tematiche che caratterizzano la sua candidatura e la sua esperienza”.

A sinistra del PD
Una delle prime forze politiche a presentare il suo candidato sindaco è stata Sinistra Italiana, il partito nato da una scissione interna al PD. Il candidato è Stefano Fassina, romano, già responsabile economia del PD ai tempi della segreteria Bersani e oggi deputato di SI, che ha annunciato la sua candidatura lo scorso 27 novembre. Oggi Fassina è dato dai sondaggi intorno al 4 per cento. Da settimane i giornali ipotizzano una sua alleanza con l’ex sindaco Marino per creare quella che chiamano una “lista rossa” a sinistra del PD.

Il centrodestra
Dopo alcune difficoltà, come la candidatura della presentatrice Rita Dalla Chiesa annunciata e subito ritirata, il centrodestra ha deciso di venerdì 12 febbraio di candidare Guido Bertolaso, che alcuni giorni prima aveva rifiutato una simile proposta. Bertolaso ha messo d’accordo i tre principali leader del centrodestra: Silvio Berlusconi, il suo principale sponsor, Giorgia Meloni, che aveva proposto Rita Dalla Chiesa, e Matteo Salvini.

Bertolaso, 55 anni, è stato il capo della protezione civile tra il 1996 e il 1997 e poi tra il 2001 e il 2011. Durante il quarto governo Berlusconi il suo ruolo si è notevolmente ampliato e il Dipartimento della protezione civile è stato usato in varie occasioni per affrontare emergenze che avevano poco a che fare con i disastri naturali, come per esempio l’organizzazione del G8 alla Maddalena, in Sardegna: definire qualsiasi cosa “grande opera” permetteva di sveltire l’iter burocratico. Per questi lavori, così come quelli per la ricostruzione dell’Aquila in seguito al terremoto del 2009, Bertolaso è stato indagato per sospetti di corruzione e scambi di favore. Alcuni collaboratori di Bertolaso sono ancora sotto processo, mentre lui è stato prosciolto da ogni accusa.

Il Movimento 5 Stelle
Lunedì 15 febbraio il Movimento 5 Stelle ha messo online sul blog di Beppe Grillo i video e i curricula dei circa 200 candidati alle elezioni amministrative di Roma. Nei prossimi giorni, con una serie di votazioni, i circa 9 mila iscritti al movimento di Roma sceglieranno i 48 candidati che andranno a formare la lista del movimento per il consiglio comunale. Tra i dieci che avranno ottenuto più voti sarà scelto il candidato sindaco con un secondo turno di elezioni. Uno dei favoriti è Marcello De Vito, candidato per il M5S alle elezioni comunali del 2013, dove ha ottenuto il 12,4 per cento dei voti: De Vito è stato spesso ospite in televisione nei programmi in cui si parlava degli scandali di Roma. Secondo i giornali l’altra favorita è Virginia Raggi, avvocato e anche lei eletta al consiglio comunale nelle elezioni 2013.

Nelle ultime settimane si è discusso molto di un contratto che i candidati del M5S saranno obbligati a firmare e con il quale si impegnano a versare 150 mila euri e a dimettersi se, a giudizio di Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio, avranno causato danni all’immagine del movimento. Inoltre, il contratto impegnerà l’eventuale sindaco e gli assessori del M5S a far approvare in maniera preventiva tutti gli atti amministrativi di una certa importanza alla direzione del movimento, cioè a Grillo, Casaleggio e il loro staff.

Alfio Marchini e NCD
Alfio Marchini, 50 anni, è un imprenditore edile romano, erede di un importante famiglia di costruttori in passato considerati vicini al Partito Comunista. Marchini si era già candidato da indipendente alle elezioni del 2013 e aveva ottenuto poco meno dell’8 per cento dei voti. In diversi momenti è sembrato che la sua candidatura potesse diventare quella ufficiale del centrodestra, ma dopo la nomina ufficiale di Bertolaso, Marchini correrà da indipendente, con l’appoggio di NCD.

Mostra commenti ( )