google_wall

Che cos’è Google Wallet

Il nuovo sistema consente di usare gli smartphone come una carta di credito, e PayPal ha già fatto causa a Google

google_wall

Google Wallet è il nuovo servizio di Google per semplificare i pagamenti, utilizzando uno smartphone al posto delle carte di credito. Il sistema è stato presentato ieri dalla società e sarà gestito in collaborazione con MasterCard e Citi, una delle più grandi banche internazionali e fornitrici di servizi finanziari al mondo. Con la nuova applicazione Google confida di rendere più semplici e frequenti le transazioni attraverso denaro in forma elettronica nei negozi, ma la presenza di un solo smartphone per ora compatibile e le limitazioni al solo territorio degli Stati Uniti potrebbero rallentare la diffusione del nuovo servizio.

Che cos’è
Google Wallet è un’applicazione che, come suggerisce il nome, trasforma il tuo telefono cellulare in un portafoglio senza costi aggiuntivi. Il sistema conserva una versione completamente elettronica, e immateriale, delle tue carte di credito e dei coupon per ottenere sconti o fare acquisti con particolari promozioni commerciali.

Come funziona
Se il negozio in cui stai effettuando gli acquisti ha aderito al programma per i pagamenti con smartphone, ti basta avvicinare il tuo cellulare a un particolare sensore che invia un segnale al tuo telefono, esegue alcune verifiche di sicurezza e infine autorizza il pagamento. Per incentivare l’utilizzo di questo sistema, Google sta pensando a una serie di promozioni e offerte per i clienti che pagheranno con Google Wallet.

Come fa
Il sistema sfrutta la tecnologia Near Field Communication (NFC), un sistema senza fili che consente la trasmissione dei dati tra due dispositivi a pochi centimetri di distanza, in genere una decina di centimetri al massimo. Gli smartphone che sono compatibili con NFC possono quindi inviare e ricevere informazioni dai sensori alle casse dei negozi, nel caso di Google Wallet, ma anche da sensori inseriti nei cartelloni pubblicitari o nelle confezioni dei prodotti che possono così inviare informazioni e promozioni sugli smartphone.

Compatibilità
Google Wallet sarà lanciato nel corso delle prossime settimane negli Stati Uniti, ma sarà necessario molto tempo prima che il nuovo sistema si affermi. Al momento l’unico cellulare ufficialmente compatibile è il Nexus S 4G, lo smartphone progettato da Google per funzionare al meglio con Android, il suo sistema operativo per telefoni cellulari, prodotto da Samsung.

Con quali carte
Il nuovo servizio sarà inizialmente disponibile con le carte Citi che utilizzano il circuito MasterCard. Per aggiungere la propria carta di credito sarà sufficiente accedere all’account di Google Wallet, inserire le credenziali della carta e queste saranno registrate all’interno dello smartphone. Per non tagliare fuori i clienti che utilizzano altri tipi di carte di credito, Google offrirà anche la possibilità di usare una carta prepagata ricaricabile con qualsiasi altra carta di credito appartenente ai principali circuiti.

Sicurezza
Google Wallet trasforma il tuo smartphone in una carta di credito virtuale e questo significa che se lo perdi, devi subito contattare il gestore della tua carta e chiedere che sia bloccata per evitare che qualcuno faccia acquisti e ti prosciughi il conto in banca. Le informazioni sulla carta di credito sono memorizzate in un chip del telefono isolato dal resto dei componenti e dallo stesso sistema operativo del telefono. Solamente le applicazioni autorizzate, come Google Wallet, possono accedere ai dati che hai memorizzato sulla tua carta di credito, e questo dovrebbe evitare il furto di dati attraverso attacchi informatici.

PayPal
PayPal è una delle più grandi società per gestire i pagamenti online, è controllata dal sito di aste online eBay e ha da poche ore avviato una causa legale contro Google. Il motore di ricerca è accusato di aver sottratto a PayPal alcuni segreti industriali per la realizzazione del suo sistema di pagamenti in mobilità. Le informazioni sarebbero state passate a Google da Osama Bedier, un ex manager di PayPal che ora lavora per la società del motore di ricerca nell’unità che si occupa dello sviluppo delle nuove soluzioni per i pagamenti online.

Mostra commenti ( )