• Moda
  • giovedì 4 gennaio 2018

È tornata di moda la giacca in jeans

La stilista Pandora Sykes prima della sfilata di Christopher Kane alla Settimana della moda di Londra, 18 settembre 2017 (Grace Lunn/picture-alliance/dpa/AP Images)

È difficile, anche per chi non si interessa di moda, resistere alle previsioni di cosa torneremo a indossare nell’anno che inizia, nell’illusione di tirar fuori dall’armadio maglioni dalle fantasie improbabili e occhiali da sole abbandonati in un cassetto. Per quel che vale, quindi, quest’anno preparatevi a recuperare – o molto più probabilmente a comprare nella versione aggiornata al 2018 – le giacche di jeans (o più correttamente in denim, la parola che indica il tessuto mentre jeans indica il taglio di pantaloni solitamente fatto con quel tessuto).

Negli ultimi anni il denim sta tornando molto di moda perché è un tessuto che esprime “autenticità”, spiega Jess Cartner-Morley sul Guardian: dopo il senso dell’ironia degli anni Novanta, la ricchezza ostentata e scintillante degli anni Zero, e l’hipsterismo degli anni Dieci, ora si ricerca l'”autenticità”, «in equilibrio tra lo stare comodi e l’essere fighi». Il denim è quindi il tessuto autentico per eccellenza, per essere «radicato nel patrimonio culturale e per essere allo stesso tempo comodo e pieno di applicazioni», continua Cartner-Morley.

Nel pieno di questo revival del denim, già apprezzato dagli hipster, si inserisce il ritorno della giacca in jeans, spuntata un po’ ovunque negli ultimi mesi dalle passerelle e alle spalle delle celebrità. Alla Settimana della moda di New York è stata proposta in versione classica da Calvin Klein e con varie rivisitazioni, come quella di Vetements in collaborazione con Levi’s. Selena Gomez la indossa per farsi un giro in città, Rihanna ha reso famosa quella di Balenciaga portandola scivolata sulle spalle (il cosiddetto shrobing), così come fa spesso anche Gigi Hadid.

Rihanna con giacca in denim a Berlino, già nel 2010
(Florian Seefried/Getty Images)

Tra gli uomini, Kanye West la porta in continuazione da anni. Ce n’è una memorabile, che gli disegnò lo stilista Olivier Rousteing di Balmain per il Met Gala del 2016, uno degli eventi più importanti nel mondo della moda: richiese più tempo e fatica dell’abito che sempre Rousteing creò per sua moglie Kim Kardashian, che era fatto con le piastre delle palle da discoteche. «È stato molto più difficile, dovemmo sbiancare il denim e poi ricamarlo con pietre e perle», ha spiegato lo stilista.

Kim Kardashian e Kanye West al Met Gala, New York, 2 maggio 2016
(TIMOTHY A. CLARY/AFP/Getty Images)

Cartner-Morley spiega il successo della giacca in denim con un facile parallelismo tra l’athleisure, cioè l’abitudine sempre più comune di vestirsi comodi ma con felpe e tute alla moda, e il denim: la giacca in denim è l’equivalente delle felpe con cappuccio che si vedono ovunque. C’entra anche un certo atteggiamento nostalgico dei millennials che, come già gli hipster, guardano al passato: in questo caso a grandi attori come Marlon Brando, James Dean, Paul Newman e Robert Redford, spesso in jeans, maglietta – meglio se bianca – e giacca in denim.

In realtà negli Stati Uniti la giacca in denim non è mai stata abbandonata del tutto, essendo qualcosa di intrinsecamente americano, e di tanto in tanto alcuni personaggi famosi l’hanno indossata regalandole un nuovo picco di celebrità: è il caso per esempio di Britney Spears, in jeans e giacca in denim nel film Crossroads, e poi tutta in denim insieme al fidanzato Justin Timberlake agli American Music Awards del 2001.

Britney Spears e Justin Timberlake agli American Music Awards, Los Angeles, 2001 (AP Photo/Mark J. Terrill, File)

Per chi vuole arrivare preparato, questa è una breve storia della giacca in denim, che in 150 anni è stata indossata da soldati e ribelli, celebrità e operai, cowboy e punk, ma che esteticamente non è cambiata moltissimo nel tempo. Come quasi tutto il denim americano venne inventata da Levi Strauss, il fondatore di Levi’s: la triple pleat blouse risale a circa il 1880, ed era una giacca da lavoro che doveva accompagnare i jeans per i minatori impegnati nella corsa all’oro in California. Nel 1905 Levi’s mise in commercio la giacca nota come numero 506, che rimase il modello principale fino agli anni Cinquanta: aveva un taschino non ricoperto da stoffa e una fibbia d’argento sulla schiena.

La giacca 506 di Levi’s

Nel 1921 Lee, la marca di denim rivale di Levi’s, inventò la railroad jacket, disegnata apposta per i ferrovieri;  poi arrivarono la giacca 91, la prima in denim con una zip, e la slim jacket, destinata ai cowboy: aveva tasche oblique per infilarci più facilmente le mani mentre si cavalcava e un orlo più alto che impediva di arrotolarsi. L’accoppiata cowboy-denim-virilità si è da allora radicata nell’immaginario ed è stata ampiamente sfruttata dalla pubblicità: Marlboro per esempio si inventò il Marlboro Cowboy, vestito totalmente in denim, per dare alle sue sigarette un’aura più mascolina.

Il Marlboro cowboy su un pacchetto di sigarette

Nel 1933 Lee introdusse una delle sue giacche più famose, la storm rider, una versione invernale della slim jacket: era imbottita, con colletto e polsini sempre imbottiti. È anche il modello che indossò Marilyn Monroe nel film Gli spostati (1961), che fece diventare popolare la giacca in denim tra le donne.

Marilyn Monroe, con una storm rider, insieme a Monty Clift in una scena di Gli spostati

Nel 1953 Levi’s mise in commercio un nuovo modello di giacca con due tasche davanti e senza fibbia dietro. Erano gli anni in cui il denim era il simbolo della ribellione e della controcultura giovanile, tanto che veniva proibito in alcune scuole e in alcuni locali. Non erano risparmiate neanche le celebrità, come quando, nel 1951, Bing Crosby non poté entrare in un hotel in Canada perché era vestito interamente in denim; Levi’s allora gli confezionò apposta uno smoking in denim con scritto all’interno un messaggio per i gestori degli hotel: “questa etichetta dà diritto a chi indossa la giacca di essere pienamente accolto e accettato con cordiale ospitalità, in ogni momento e in qualsiasi circostanza”.

Nel 1962 apparve un terzo modello di giacca Levi’s, probabilmente quello più popolare di sempre, conosciuto come trucker jacket: ha un taglio sartoriale, le tasche sono coperte da pezzi di stoffa triangolare, e le cuciture sono gialle anziché arancioni. È inoltre fatta con un jeans più pesante e resistente, quello da 14 once, contrariamente ai primi modelli da 9 once. L’abbiamo vista in centinaia di film, pubblicità e serie tv, probabilmente ne abbiamo posseduto più di una o l’abbiamo desiderata.

Per esempio la indossa Ryan Gosling in Drive

Da allora le giacche in denim sono state strappate, ricamate con scritte, fiori e disegni, ornate di perle e lustrini, non sono più una veste da lavoro, associata ai cowboy e ai motociclisti e ora vengono spesso portate per sdrammatizzare un abito elegante; però hanno ancora un sapore di ribellione e anticonformismo, e sarà con questo spirito che le rivedremo in giro nei prossimi mesi.

Mostra commenti ( )