m5s ius soli

Il Movimento 5 Stelle era a favore dello ius soli

Nel 2013 presentò una proposta di legge ancora più generosa di quella che contesta oggi

m5s ius soli

Nel 2013 il Movimento 5 Stelle presentò una proposta di legge per introdurre una versione dello “ius soli” ancora più avanzata di quella che contesta oggi. Lo ha spiegato il sito di factchecking Pagella Politica, che collabora con l’agenzia di stampa Agi: la proposta di legge, la c. 1204, era firmata da tutti i principali dirigenti del Movimento 5 Stelle, tra cui Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista, e fu presentata alla Camera il 14 giugno 2013. Prevedeva la cittadinanza per le persone nate in Italia da coppie di stranieri se almeno uno dei genitori avesse avuto un permesso di soggiorno di lungo periodo e avesse risieduto in Italia per almeno tre anni. Oppure, potevano ottenere la cittadinanza i figli di cittadini stranieri che avessero compiuto almeno un ciclo scolastico nel nostro paese.

La proposta del Movimento 5 Stelle, quindi, era più vantaggiosa per gli immigrati che vorrebbero ottenere la cittadinanza rispetto a quella che è attualmente in discussione al Senato, secondo la quale la cittadinanza può essere ottenuta da una persona solo se uno dei propri genitori risiede in Italia da almeno cinque anni, oppure dai figli di stranieri che hanno frequentato in Italia un ciclo scolastico, ma solo se risiedono in Italia da almeno sei anni. Oltre a queste differenze, le due proposte di legge sono simili anche nel modo in cui sono scritte, ed è probabile che pezzi del testo firmato dal M5S sia stato usato per la proposta attualmente in discussione al Senato.

Nonostante fosse favorevole a una versione molto simile e più generosa di ius soli, di recente il Movimento 5 Stelle si è schierato con forza contro l’attuale proposta. In un post sul blog di Beppe Grillo, pubblicato il 14 giugno, la legge attualmente in discussione veniva descritta come «un pastrocchio all’italiana che vuol dare un contentino politico a chi ancora si nutre di ideologie». Il Movimento 5 Stelle ha detto che al momento del voto si asterrà: cosa che, per i regolamenti del Senato, equivale a dare voto contrario. In un altro post sul blog, Grillo aveva scritto: «C’è dunque solo una cosa da fare: fermarsi e chiedere un orientamento alla Commissione europea, coinvolgere nel dibattito anche il Parlamento europeo e il Consiglio». Nella sua proposta di legge, il Movimento 5 Stelle non accennava alla necessità di interpellare l’Unione Europea. Le questione sulla cittadinanza, inoltre, non appartengono per competenza alle istituzioni unitarie e sono invece potestà esclusiva dei singoli stati. I numeri della maggioranza al Senato sono molto bassi, quindi l’astensione, che conta come voto contrario, del Movimento 5 Stelle rischia di bloccare la legge.

Mostra commenti ( )