• Cultura
  • mercoledì 18 maggio 2016

5 libri per l’estate consigliati da Bill Gates

di Jena McGregor – The Washington Post

Non sono i soliti libri da spiaggia: ci sono quattro saggi e un romanzo da 880 pagine

(Alex Wong/Getty Images)

Oprah ha il suo circolo di lettura, Mark Zuckerberg ha organizzato il suo “Anno dei libri“, mentre il fondatore di Microsoft e filantropo Bill Gates condivide ogni anno i suoi consigli per le letture.

La lista del libri consigliati da Gates per la prossima estate è stata pubblicata martedì 17 maggio sul suo blog, GatesNotes, insieme a un video in cui la spiega. I libri suggeriti da Gates non sono esattamente le classiche lettura da spiaggia: dei cinque libri di quest’anno quattro sono saggi che parlano rispettivamente di matematica, del ruolo dell’energia nella biologia, dell’economia giapponese e della storia dell’uomo, a cui si aggiunge un romanzo di fantascienza di 880 pagine definito da una recensione come un «esperimento mentale estremo». «Nella mia lista di letture consigliate per quest’estate c’è una buona dose di libri che hanno come tema principale la matematica e la scienza», ha scritto Gates, «Ma il mio processo di selezione non è stato scientifico né matematico: questi cinque libri sono semplicemente quelli che ho amato, che mi hanno fatto pensare in modi diversi, e mi hanno tenuto sveglio a leggere ben oltre l’ora in cui sarei dovuto andare a letto».

Dal fondatore di una della società tecnologiche più grandi al mondo e di una fondazione che cerca di risolvere problemi come la povertà globale, la sanità pubblica nei paesi in via di sviluppo e il sistema d’istruzione americano, ovviamente, ci si può aspettare una lista di letture fuori dal comune. Delle decine di libri che negli anni Gates ha recensito, o consigliato nelle sue liste per l’estate ci sono solo tre romanzi e qualche libro a fumetti, entrato nell’elenco dell’anno scorso, mentre quelli che si potrebbero definire libri di economia sono solo due, Business Adventures – un libro del 1991 di John Brooks fuori catalogo– e le memorie dell’Imprenditore Eli Broad. Per il resto sono libri che trattano argomenti molto diversi tra loro – scienza, storia, psicologia – e spesso sono libri lunghi, come Il declino della violenza: Perché quella che stiamo vivendo è probabilmente l’epoca più pacifica della storia (2013, 898 pagine), The Quest (2012, 816 pagine) o The Bully Pulpit (2014, 928 pagine), a dimostrazione del fatto che Gates non si spaventa di fronte a delle letture “pesanti”. Spesso Gates scrive recensioni dei libri che ha letto, quindi se le sue liste estive non vi sembrano abbastanza serie ci sono anche gli elenchi dei suoi libri preferiti pubblicati a dicembre.

Per quanto riguarda la lista estiva di quest’anno, di seguito trovate le cinque scelte di Gates, con un estratto della sua recensione per ogni libro.

1) Seveneves di Neal Stephenson

«La montagna di informazioni sui viaggi spaziali potrebbe farvi perdere la pazienza – Stephenson, che vive a Seattle, si è senza dubbio documentato bene – anche se io ho adorato i dettagli tecnici. Seveneves mi ha dato l’ispirazione per ricominciare a leggere libri di fantascienza». Sul blog di Gates la recensione di Seveneves (in cui Gates dice che il libro «ti spinge a pensare in grande e a lungo termine») comprende un video in realtà virtuale in cui lui e Stephenson chiacchierano del libro e si fermano per mangiare un hamburger.

2) How Not to be Wrong: The Power of Mathematical Thinking di Jordan Ellenberg (I numeri non sbagliano mai: Il potere del pensiero matematico, tradotto da Carlo Capararo, Ponte alle Grazie)

«Come scrive Ellenberg, la tesi centrale del libro è che “occuparsi di matematica è avere il sacro fuoco ma essere legati alla ragione allo stesso tempo» e che, in un certo senso, tutti noi facciamo della matematica, sempre».

3) The Vital Question: Energy, Evolution, and the Origins of Complex Life  di Nick Lane

«Nick è uno di quei pensatori innovativi che ti fa a dire che più persone dovrebbero conoscere i suoi lavori. Anche se nei dettagli il libro di Nick si rivela essere sbagliato, credo che il suo studio sull’energia sarà visto come un contributo importante per capire da dove veniamo».

4) The Power to Compete: An Economist and an Entrepreneur on Revitalizing Japan in the Global Economy di Ryoichi Mikitani e Hiroshi Mikitani

«Il Giappone è un paese molto interessante per chiunque segua l’economia globale. Perché le sue aziende – che negli anni Ottanta erano dei giganti – sono state eclissate dalla concorrenza in Corea del Sud e in Cina? Possono risollevarsi? […] The Power to Compete è uno sguardo intelligente sul futuro di un paese affascinante».

5) Sapiens: A Brief History of Humankind di Yuval Noah Harari

«Harari accetta una sfida impressionante: raccontare l’intera storia della razza umana in sole 400 pagine […]. Nonostante abbia trovato delle cose su cui non sono d’accordo – come la tesi di Harari secondo cui gli esseri umani stavano meglio prima di inventare l’agricoltura – consiglierei Sapiens a chiunque si interessi di storia e del futuro della nostra specie».

© 2016 – The Washington Post

Mostra commenti ( )