netflix-ap

Qualche informazione in più su Netflix in Italia

Tutto il catalogo del popolare servizio di streaming on-demand sarà disponibile anche in lingua originale, e sarà composto in gran parte da contenuti internazionali

netflix-ap

Joris Evers, vicepresidente di Netflix, ha dato al Post alcune nuove informazioni riguardo l’imminente arrivo in Italia di Netflix, il popolare servizio statunitense di streaming on-demand a pagamento di film e serie tv. Non è stata ancora decisa la data esatta di lancio, che avverrà comunque tra il primo e il 31 ottobre del 2015.

Il catalogo di Netflix è diverso paese per paese, sulla base degli accordi che la società stringe con le società di produzione e distribuzione dei film e delle serie tv: i dirigenti di Netflix dicono che il catalogo italiano sarà composto per un 80 per cento da titoli internazionali e per un 20 per cento da titoli italiani definiti “di respiro internazionale”. Il catalogo crescerà col passare dei mesi anche sulla base delle preferenze degli abbonati: i dirigenti di Netflix dicono che le sue dimensioni raddoppieranno entro il primo anno di disponibilità del servizio.

Tra i titoli statunitensi ci saranno le più recenti produzioni originali di Netflix, come Daredevil, Bloodline e Sense8: le nuove stagioni di queste serie saranno diffuse su Netflix Italia contemporaneamente col resto del mondo. Le serie di Netflix che oggi sono trasmesse da Sky e Mediaset (come House of Cards e Orange Is The New Black, per esempio) continueranno a essere trasmesse innanzitutto su questi network, a meno che non decidano di rinunciare: e gli accordi in vigore permettono loro, qualora lo volessero, di trasmettere tutti gli episodi in una volta, uno dopo l’altro.

Tutti i contenuti saranno disponibili in lingua originale, con audio e sottotitoli in altre lingue tra cui l’italiano; e saranno disponibili anche in qualità 4K, per quelli che hanno una televisione e una connessione Internet che ne permettono la fruizione. Riguardo le lentezze delle connessioni Internet italiane fuori dalle grandi città, quelli di Netflix dicono che chiunque riesce a vedere un video di YouTube in alta definizione può vedere i film su Netflix, e che comunque l’azienda fornirà un mese di prova gratuito durante il quale provare il servizio. Nei mesi precedenti al lancio Netflix fornisce ai provider l’intero catalogo, così che possano immagazzinarlo nei loro server e rendere più fluido e meno oneroso per la banda lo streaming dei file.

Netflix non ha stretto nessun accordo particolare con Telecom Italia, come si era detto nei mesi scorsi, né con altri Internet provider italiani. Non ha ancora deciso il costo mensile del servizio, che comunque non si discosterà molto da quello di Francia e Germania: 7,99 euro al mese per lo streaming in definizione standard su un unico schermo, 8,99 per lo streaming in HD su due schermi, 11,99 per lo streaming in HD su quattro schermi, che richiederà una connessione in fibra ottica.

Netflix esiste dal 1997. All’inizio offriva un servizio di noleggio di DVD e videogiochi che aveva superato nettamente la concorrenza di Blockbuster: dava la possibilità ai suoi utenti di sottoscrivere degli abbonamenti flat, di noleggiare un film su Internet e riceverlo a casa per posta, senza limiti di tempo per la restituzione, al prezzo mensile di 8,99 dollari. Dal 2008 è stato attivato il servizio di streaming online on demand, accessibile tramite un apposito abbonamento, che poi è diventato nel tempo il principale business della società. Oggi Netflix ha più di 60 milioni di abbonati in tutto il mondo e produce per conto proprio serie televisive di grande successo.

Mostra commenti ( )