BfK04BOIMAAU_OW

Boldrini ha adottato la “tagliola”

E ha così permesso l'approvazione del decreto sull'IMU, con grandi e vivaci proteste delle opposizioni

BfK04BOIMAAU_OW

22.00. Questa è la versione del video della gazzarra in aula trasmessa dal Tg della 7, in cui si vede meglio lo scontro tra gli onorevoli Stefano Dambruoso (Scelta Civica) e Loredana Lupo (M5S). Lupo ha detto, riferendosi a Dambruoso: «Mi ha colpito in faccia e mi ha fatto saltare anche una lentina». Dambruoso invece ha detto ai giornalisti: «Escludo assolutamente lo schiaffo, al massimo un contatto fisico per bloccare una aggressione alla presidente Boldrini».

Aggiornamento 21.30 – Intanto molti deputati del M5S hanno cercato di occupare due commissioni, creando molta confusione alla Camera. La prima è stata la commissione Giustizia, che era riunita per esaminare il decreto carceri: la presidente Donatella Ferranti ha deciso di rinviare la seduta a domani, dopo che il M5S voleva far partecipare anche i suoi deputati non componenti della commissione. Poi è stata la volta della Commissione Affari costituzionali, riunita per discutere della riforma elettorale.

Aggiornamento 19.45: il presidente Boldrini ha deciso di adottare la “tagliola”, interrompendo la discussione parlamentare. Il decreto è stato approvato con 235 voti favorevoli e 29 contrari, e ci sono state forti contestazioni: il M5S ha occupato l’aula in mezzo a una gran confusione di proteste, tricolori sventolati e lanci di monete di cioccolata. Qui il racconto in diretta da parte di Andrea Sarubbi, che nel suo resoconto per La Stampa scrive:

Laura Boldrini ha preso la decisione di garantire l’approvazione del decreto: lo ha fatto perché “costretta” dall’altissimo numero di iscritti a parlare (163) – come ha spiegato – e dopo avere comunque garantito ad ogni gruppo parlamentare di esprimersi in dichiarazione di voto. Resta in ogni caso un precedente inedito, nella storia della Camera, che gli alti uffici di Montecitorio avrebbero voluto (se possibile) evitare; resta pure la protesta violenta delle opposizioni, nei 10 minuti forse più tumultuosi di tutta la legislatura.

 

*****

Oggi è l’ultimo giorno utile perché il Parlamento converta in legge il decreto del governo che, lo scorso 30 novembre, ha abolito parte della seconda rata dell’IMU. La cosa sembra meno facile del previsto, principalmente per l’opposizione del Movimento 5 Stelle, che sta causando un prolungamento del dibattito alla Camera. Se non si riuscisse a convertire in legge il decreto entro la mezzanotte, chi risiede in una casa di proprietà dovrebbe pagare l’intera seconda rata dell’IMU, dato che il termine è formalmente scaduto il 16 gennaio. Non è possibile, come qualcuno ha ipotizzato in queste ore, che il governo ci metta una pezza approvando un nuovo decreto-legge uguale al precedente.

Andrea Sarubbi sulla Stampa fa il punto della situazione sull’ostruzionismo del Movimento 5 Stelle alla Camera e il sempre più probabile utilizzo della cosiddetta “tagliola” – il termine più corretto è “ghigliottina” – uno strumento parlamentare a cui non si è mai ricorso prima: la possibilità cioè che il presidente interrompa la discussione parlamentare prima del tempo per arrivare al voto. Dopo le dichiarazioni di voto si riunirà la conferenza dei capigruppo: se il M5S deciderà di non ritirare i suoi iscritti a parlare, la presidente Boldrini dovrà decidere se mettere fine alla discussione.

La situazione che poteva sbloccarsi a fine mattinata, con la riunione del M5S sull’ipotesi di sospendere l’ostruzionismo, in realtà non si sblocca: a differenza delle opposizioni passate – che di fronte alle minacce di tagliola avevano sempre tirato la corda, ma non l’avevano mai strappata – i Cinquestelle decidono di andare fino in fondo. O si lascia scadere il decreto, intervenendo poi con una sanatoria sull’Imu che gli stessi grillini sono pronti ad approvare, oppure Laura Boldrini dovrà porre la tagliola, per la prima volta nella storia della Repubblica: i contrari gridano allo scandalo, i favorevoli ribadiscono che in ogni democrazia ci sono strumenti per limitare l’ostruzionismo e permettere al Parlamento di esprimersi su un provvedimento. La terza ipotesi, quella di scorporare dal decreto la parte su Bankitalia, significherebbe intervenire sul testo ormai blindato dal voto di fiducia di venerdì scorso e quindi non appare praticabile: la fiducia, infatti, è lo strumento che il governo ha a disposizione perché il testo venga approvato o respinto così com’è, senza modifiche. Probabile che si vada verso la seconda soluzione: la presidente della Camera potrebbe far terminare l’esame degli ordini del giorno e poi, appunto, troncare di forza l’ostruzionismo con la tagliola.

Perché il M5S protesta
Il decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale lo scorso 30 novembre si chiamava “Disposizioni urgenti concernenti l’IMU, l’alienazione di immobili pubblici e la Banca d’Italia”: si occupava quindi di tre argomenti diversi. Il Movimento 5 Stelle, infatti, non è contrario all’abolizione della seconda rata dell’IMU, ma alle nuove norme che riguardano la Banca d’Italia. Le quote della banca centrale italiana, secondo il decreto, verranno rivalutate grazie a un aumento di capitale fino a 7,5 miliardi di euro. Il M5S è fortemente contrario a questa misura, che ha chiamato “un saccheggio” perché ne beneficerebbero soprattutto “banche e assicurazioni private”.

I deputati del M5S hanno quindi messo in atto una tattica di ostruzionismo parlamentare: tutto il gruppo parlamentare del M5S ha chiesto di parlare sull’ordine del giorno, ritardando moltissimo i tempi della discussione. Martedì 28 gennaio un altro post sulla pagina del gruppo parlamentare M5S ha dichiarato che i deputati non rinunceranno all’opposizione a oltranza.

Il decreto, su cui il governo ha posto la fiducia, è già stato approvato dal Senato lo scorso 9 gennaio. La votazione finale sul decreto alla Camera è stata invece rimandata più volte fino a mercoledì 29 gennaio, ultimo giorno utile, prevedendo che il dibattito prosegua se necessario fino alla mezzanotte. Tra i diversi partiti sono in corso da giorni grandi trattative per cercare di risolvere la situazione. I giornali di oggi parlano della possibilità che il presidente della Camera Laura Boldrini utilizzi, per forzare i tempi, uno strumento parlamentare a cui non si è mai ricorso prima: la cosiddetta “tagliola” o “ghigliottina”, la possibilità cioè che il presidente interrompa la discussione parlamentare prima del tempo per arrivare al voto.

Il governo può fare un nuovo decreto?
I decreti non convertiti, dice l’articolo 77 della Costituzione, «perdono efficacia sin dall’inizio»: bisognerebbe pagare quindi integralmente la seconda rata dell’IMU, per un totale stimato di 2,2 miliardi di euro. È stato ipotizzato che il governo, in caso di mancata conversione, utilizzi un nuovo decreto sostanzialmente identico al precedente per mantenere l’abolizione della seconda rata.

Come ricorda il Sole 24 Ore, però, la possibilità è stata esclusa dalla Corte Costituzionale, che «con la sentenza n. 360 del 1996 ha sancito l’illegittimità costituzionale della reiterazione dei decreti-legge non convertiti».

Mauro Scrobogna/LaPresse

Mostra commenti ( )