bersa

Che diavolo sta succedendo?

Tutte le ipotesi sulla situazione politica - anche quelle più ardite - spiegate con calma: con Grillo, senza Grillo o con un po' di Grillo soltanto

bersa

Dalle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio è venuto fuori un Parlamento senza una chiara maggioranza politica, e questo – oltre ad alimentare comprensibili preoccupazioni sul futuro dell’Italia nel breve e medio periodo – comporta una serie infinita di passaggi incerti e giuridicamente quasi inediti e sta generando discussioni tra addetti della politica, giornalisti e italiani in genere. Vediamo di capire per bene.

1. Chi ha la maggioranza in Parlamento?
Questa è facile: nessuno. Il centrosinistra – coalizione che ha ottenuto il premio previsto dalla legge elettorale – ha la maggioranza assoluta alla Camera ma il suo stesso leader, Pier Luigi Bersani, ha detto che «non ha vinto». Questo perché al Senato il PD e il centrosinistra hanno solo la maggioranza relativa, pur essendo primo partito e prima coalizione. Nemmeno alleandosi eventualmente con i montiani, ipotesi di cui si è discusso a lungo in campagna elettorale, si arriverebbe a una maggioranza assoluta in Senato.

2. Ok, quindi chi ha la maggioranza in Parlamento?
Fatti un paio di conti, ci sono solo due alleanze che possono ottenere una maggioranza assoluta alla Camera e al Senato: una formata tra PD e PdL (e, volendo, i montiani), una formata da PD e M5S. Ma parliamo di maggioranze numeriche: politicamente è tutto da vedere.

3. È necessaria la maggioranza per governare?
In teoria no: un governo appoggiato dal solo centrosinistra, o dal centrosinistra più i montiani, non avrebbe la maggioranza dei voti del parlamento, ma potrebbe contare sull’astensione o sull'”appoggio esterno” di gruppi che non ne facciano parte.

4. Cosa succede adesso?
Il nuovo Parlamento è stato convocato per il 15 marzo. La nuova Camera e il nuovo Senato per prima cosa eleggeranno i loro presidenti e vicepresidenti, operazione che salvo grandi intoppi non dovrebbe richiedere più di pochi giorni. Diciamo che, prendendola larga, per il 25 marzo abbiamo fatto.

Poi spetta al presidente Napolitano convocare il vincitore delle elezioni – Bersani, per quanto azzoppato, come leader della coalizione che ha più seggi – e assegnargli l’incarico di verificare se ci sono le condizioni per formare un governo. Bersani con ogni probabilità accetterà con riserva, farà le sue consultazioni e le sue valutazioni, e poi tornerà da Napolitano per comunicargli se scioglie o no la riserva: se pensa o no di avere il voto della maggioranza del Parlamento. Torniamo alle maggioranze possibili: che sia o no Bersani a guidare questo eventuale governo, questo dovrà avere comunque il sostegno o del PD e del PdL, o del PD e del M5S.

5. Ma il M5S può non votare la fiducia e scegliere di votare le leggi caso per caso, come dice di voler fare?
Può non votare la fiducia ma ci si deve arrivare, al voto sulla fiducia. La Costituzione, infatti, stabilisce all’articolo 94 che il governo debba avere la fiducia delle camere: ovvero il voto favorevole della metà più uno. Non vale astenersi: al Senato l’astensione vale come voto contrario, i Sì devono essere di più. Non è obbligatorio, per quanto frutto di una sensata consuetudine, che il governo ottenga questo voto immediatamente dopo il giuramento: ma deve ottenerlo entro i primi 10 giorni. E il voto di fiducia è un voto di significato politico generale. Beppe Grillo ha annunciato che il M5S non voterebbe la fiducia a un governo Bersani, e se il suo movimento lo segue non ci sarà quindi una maggioranza di governo PD-M5S. Resterebbero le ipotesi di una maggioranza PD-PdL e quella di un governo di minoranza del centrosinistra.

6. I senatori del M5S non potrebbero uscire dall’aula durante il voto di fiducia, così da permettere a un governo Bersani di minoranza di insediarsi ma senza votarlo né sfiduciarlo?
Teoricamente sì. Il fatto che abbiano voglia di farlo andrebbe indagato con più attenzione: si tratta di supporre che i membri del M5S, con la loro attenzione per la trasparenza e la responsabilità, fingano di essere assenti uscendo strategicamente dall’aula ogni volta che si debba votare la fiducia al governo Bersani, per tenerlo in piedi. Prospettiva che li contraddirebbe, forse. Ma anche se fosse, potrebbe non bastare.

Perché una votazione al Senato sia valida, infatti, deve comunque rimanere in aula la metà più uno dei senatori (esclusi quelli in congedo o assenti per incarichi avuti dal Senato), altrimenti manca il numero legale e la seduta deve essere rimandata. Se il Movimento 5 Stelle decidesse di uscire dall’aula per dare modo a un governo di minoranza Bersani di ottenere la fiducia, di fatto tutto finirebbe in mano ai senatori del PdL e della Lega: se uscissero anche loro non ci sarebbe il numero legale e non ci sarebbe la fiducia. Potrebbero farlo, ma il biennio 2006-2008 insegna a diffidare sulle speranze di sopravvivenza di un governo con fondamenta così fragili.

Quindi non ci si può girare intorno: serve che al Senato ci sia una maggioranza che voti la fiducia a un governo, prima di fare discussioni “tema per tema”. Se entrambe le camere votano la fiducia a un governo, questo si insedia e poi comincia a fare il governo.

1 2 Pagina successiva »
Mostra commenti ( )