oslo40k

La canzone odiata da Anders Breivik

Oggi a Oslo l'hanno cantata insieme in quarantamila, secondo l'autore delle stragi di Oslo e Utøya è "marxista" e serve a fare il lavaggio del cervello ai bambini

Oggi oltre 40mila persone si sono trovate nel centro di Oslo per cantare insieme “Bambini dell’arcobaleno” (“Barn av regnbuen”), un adattamento in norvegese della canzone “Rainbow Race” di Pete Seeger del 1973. Lo hanno fatto come atto dimostrativo contro Anders Behring Breivik, l’autore degli attentati a Oslo e della strage di Utøya del luglio dello scorso anno, che nel corso del proprio processo ha detto di odiare la canzone di Seeger. Secondo Breivik la canzone ha contenuti chiaramente di stampo marxista e verrebbe utilizzata per fare il lavaggio del cervello ai bambini. “Rainbow Race” fu tradotta e riadattata in norvegese nel 1975 e viene di solito cantata e insegnata negli asili nido.

Il testo della versione norvegese parla di un cielo pieno di stelle, del mare azzurro e di terre piene di fiori, dove vivono i bambini dell’arcobaleno. È una canzone di speranza, che invita a cercare il bene e a convivere in pace insieme, evitando la violenza.