La clonazione della colazione

Carrot Cake, Chocolate Cookie, Blueberry Muffin, Yogurt e Granola, Scones con burro e marmellata, Cheesecake, Pancake: prima che piatti sono hashtag e smaglianti fotografie su Instagram, e parole stampate sulle lavagne con lo stesso font – solitamente il Lobster, ormai noto come il nuovo Comic Sans – di bar tutti uguali, un po’ hipster un po’ shabby-chic un po’ hygge, con tavoloni di legno e colori sbiaditi, bicchieroni di caffè da portar via, ragazzi/ragazze decisamente carini, sorridenti e poco svelti dietro il bancone, e barbuti, occhialuti e con t-shirt a righe, piazzati davanti a un PC dall’altra. Sono i posti alla moda del #comfortfood, dove sfogliare per ore una rivista fatta più di immagini che di testo e dove attaccarsi al PC a lavorare o navigare tra i siti di quelle riviste, che vendono desideri e stili di vita. Sono posti utopici che accedono sullo stesso mondo vagheggiato da élite culturali di tutto il pianeta, allettanti, rassicuranti, interscambiabili: sedendomi a un bar di Tunisi mi sono ritrovata improvvisamente a casa a Milano e in una mattina di vacanza ad Amsterdam.

lavagna
(Google Images)

Sono posti in cui mi sono goduta comodamente il passare delle ore: mentre il tempo scorreva, in qualsiasi città mi trovassi, sono rimasti immutati, fissandosi in monotone maschere di plastica. Annoiata dall’ennesima colazione nell’ennesimo hipster coffee-shop mi sono resa conto che a Milano, dove vivo, e nelle città dei miei ultimi viaggi ho assaggiato di tutto, nei locali più scombinati e vari consigliati da guide tradizionali e da esperti delle ultime tendenze sul cibo:  bò bún cambogiano, zuppa al tamarindo vietnamita, sharba libicapakora e malai kofta pakistani, ravioli uzbeki con panna acida, insalata fattoush e mutabal libanesi.

Il #bobun è il nuovo #poke

Un post condiviso da @ariannacavallo in data:

A pranzo e cena ci abituiamo continuamente a nuovi alimenti, gusti e pietanze, che finiscono per passare dalle tavole d’avanguardia degli appassionati ai menu del giorno per la pausa pranzo. Piatti e cucine da ermetiche diventano familiari e scontate: vent’anni fa la nouvelle cuisine era qualcosa di astruso mentre ora non c’è locale milanese che non acconci i suoi piatti con salsine e descrizioni fantasiose e delicate, mentre parole come teriyakiramen e poke sono finite in pochi mesi su siti, riviste di cucina e ricettari. Chiaramente è un discorso che vale per chi di cibo si interessa e per le città più internazionali e vivaci, ma sperimentazione e innovazione – che si tratti di nuovi sapori, metodi di cottura e cucine fusion – sono una costante.

Nel mondo della colazione invece tutto questo non c’è e non c’è stato: il locale cool e innovativo è ancora il coffee-shop dal muffin elefantiaco, forse più buono ma non più allettante di quello che si trova in autogrill o da McDonald’s, e la nota dominante è un miscuglio insensato tra il cibo salutarehealthy nonostante le porzioni giganti del suddetto muffin – e il peccato di gola #yummy che coccola e che ci si merita. Non mi auguro la scomparsa dei cibi serviti in questi caffè (forse l’avocado ovunque sì: basta, dai) – e non voglio nemmeno criticare la globalizzazione e l’inevitabile omogeneizzazione dei gusti. Vorrei soltanto che questi posti perdessero l’alone di originalità e fighezza e venissero considerati per quello che sono: una grossa catena universale che ha assemblato e inventato una tradizione di dolci e brunch anglosassoni, e che propone un volto anticonformista e antisistema, ma che per standardizzazione e capillarità ricorda una variante costosa di McDonald’s (forse solo ristoranti cinesi e pizzerie si assomigliano così tanto in tutto il mondo).

Petit-déjeuner chocolaté Quand on utilise de la courgette pour faire son brownie on a le droit d’en manger au petit déjeuner ? . . Ce matin je vous montre quelques recettes du livre. Energy Balls, le millionnaire shortbread que vous connaissez maintenant, yaourt de coco, granola noisette chocolat et brownies !!! . . Au petit déjeuner je pourrais manger pour 4… et c’est souvent ce que je fais. Ça donne faim le renforcement musculaire! Quel est votre petit dej du moment ? . . #vegan #veganfood #veganfoodshare #veganlife #veganfrance #vegetalien #vegetarien #petitdej #petitdejeuner #snack #gouter #miam #gourmandise #recette #blog #mangerbien #mangersain #mangersainement #mangermieux #mangerbouger #thefeedfeed #Dansmonassiette #reequilibragealimentaire #regimeuse #ahealthynut #snack #bananabread #bonjour

Un post condiviso da Tiphaine (@tiph_enjoy) in data:

È in questa catena e nel suo fascino che si è insabbiato il rinnovamento nel mondo della colazione: è come se in Italia oltre a pasta e pizza l’unica alternativa fosse fatta di hamburger, bagel al salmone e avocado toast. Nel mondo della colazione sembrano infatti convivere due proposte che raramente si incrociano: da un lato i bar e le pasticcerie tradizionali, più o meno elaborati, con croissant e biscottini da tè che non offrono quasi mai cupcake e yogurt con la frutta; dall’altro i coffee-shop alla moda, dove l’unico biscotto è un enorme cookie o qualche variante home-made resa healthy da parole fascinose come raisin e ginger.

Tuesday: Homemade Double Danish a side of yoghurt with raspberries and blueberries and a glass of OJ and a cuppa tea The prettiest four pastries of twelve made! The rest will go with Mark to feed his colleagues if y’all wondering what happens to the rest ❤️ ——————————————————– Have you ever thought why they’re called a Danish? Well in the 1850s when Danish bakers went on strike, bakeries decided to hire new workers from abroad. Those from Austria brought with them the technique of laminating dough with butter, the same technique used to make croissants and plundergebäck. After the strike finished, Danish bakers adapted the Austrian style into their own, and the Danish was born #symmetrybreakfast Un post condiviso da SymmetryBreakfast (@symmetrybreakfast) in data:

È una sensazione che mi conferma anche Giorgio Pugnetti di Il Colazionista, un blog di “collezionisti di colazioni”, come si definiscono: indica i migliori posti in cui farla in Italia e nel resto del mondo, racconta le nuove tendenze, tra confetture e torte all’acqua, e i tanti modi diversi di fare colazione nel mondo. Pugnetti mi racconta che il mondo della colazione, secondo lui, va verso due strade: la sperimentazione e l’introduzione di nuovi dolci e combinazioni nel mondo hipster, come il cronut, per qualche mese di moda qualche anno fa, e la riscoperta della tradizione soprattutto torinese, strada aperta da anni da Eataly e Slowfood: la nuova e diffusa cura per le materie prime e per la fattura della brioche italiana – un mix di lievito e pasta sfoglia – con lievito naturale e confettura farcita a mano. Una riscoperta, non un’innovazione appunto.

#milano #italian #italy #pave #pavè

Un post condiviso da Маргарита С. (@unicokh) in data:

I coffeshop hipster frugano in cerca di novità tra i consigli online di foodie e blogger, mi spiega Ilaria Mazzarotta, food-blogger e autrice di quattro libri di cucina, che ha curato per alcuni anni The Breakfast Review, un meticoloso sito di recensioni di colazioni. La nuova tendenza è soprattutto l’introduzione di latti e yogurt vegetali, per bevande, pudding e budini, e la moda della zuppa d’avena – l’oatmeal – un porridge preparato spesso a casa di sera facendo bollire i fiocchi d’avena nel latte o nell’acqua e arricchito di zucchero e marmellata, e che ci si ritrova pronto la mattina al risveglio.

Breakfast || I have been getting some questions lately about I cook my oats so that they are super delicious, satiating and mom-life friendly. . first, let’s talk oats… while oats are naturally gluten free, many are processed with wheat, so you if you are gluten sensitive, look for “gluten free” oats (we like @bobsredmill, @traderjoes & @arrowheadmills). . next, there are 3 types of oats: 1. Steel cut/Irish/Scottish: the least processed & takes the longest to cook. 45 mins or 15-20 if you soak them overnight beforehand, 9 minutes in the Instant Pot. 2. Rolled Oats: lightly steamed, pressed flat and most common for baked goods. takes 10-20 mins to cook and 0-5 if soaked beforehand. 0?? yes, you can soak them in yogurt, milk, coconut water, etc and eat them raw! 3. Instant Oats/Quick Oats: pre-cooked and dried (most processed). ready in 2 minutes, texture is very soft. too soft imho. . last, there’s a couple tricks to making them creamy & dreamy. I like to cook them in half milk (usually almond or coconut) and half water. makes a huge difference. also, a pinch of salt totally changes the flavor. it’s non-negotiable. vanilla and cinnamon just work so well in oatmeal and I add a bit of each of them every time. to sweeten I will add raisins, chopped dates, a bit of honey, maple, or molasses. most of the time I leave it plain for the kids though! chia seeds, flax, hemp and other nuts and seeds go very easily into oats and add to the nutritional content. grated carrot and zucchini and rice cauliflower also go very easily into oats. I add them to the pot while they are cooking. and my last tip: we all eat with our eyes. a tan gelatinous blob is not an appealing breakfast. top your oats like you would a smoothie bowl; the more color and texture, the better. || steel cut oats, fresh fig, strawberries, flax meal and homemade coconut yogurt. #oats #oatmeal #breakfast #porridgebowl #veganbreakfast Un post condiviso da Kayla (@babymangi) in data:

Non sembra quindi che questi due mondi, hipster e gourmet tradizionale, si incontreranno a breve, anche se già questa sarebbe una novità. A volte basta non aprire un locale con il pilota automatico e la mano sulla lavagna, finendo per affiancare brioche, piccoli pancake fatti sul momento e latte con cereali; la tradizione può essere rivisitata anche in modo originale, partendo dal classico e nostalgico pane-burro-e-marmellata offerto tra diversi paninetti e decine di marmellate più o meno bizzarre, e finendo per impastare i profumati biscotti dei forni romani con ingredienti e sapori di altre cucine (a parte il tè verde: buonissimo ma ormai non c’è lavagna che non abbia scritto la parola matcha).

matcha

Sarebbe già un primo passo verso una sperimentazione più scatenata, paragonabile a quella degli altri pasti, con l’introduzione e l’adattamento di dolci di altri mondi: biscotti ai fagioli rossi, budini di tapioca e mochi a colazione (non ho idea di quando si mangino in Giappone, ma che importa? Per ogni purista indignato dalla ricetta fantasiosa della carbonara pensate ai vostri vicini – spero non voi – che hanno usato le bacchette per suonare una batteria immaginaria o a quando avete immerso il sushi dalla parte sbagliata nella soia o non l’avete mangiato nell’ordine giusto). Ci sono le regole, è divertente rispettarle e raffinarle (i gratuiti rimuginamenti su quale sia il formato di pasta ideale per ogni sugo), ma allo stesso tempo i sapori e le consistenze sono qualcosa con cui inventare e sperimentare, soprattutto ora che ne possiamo assaggiare a decine.

Mi limito a parlare di dolci: riso e costolette a colazione, se non come esperienza singolare e spiritosa, mi sembrano ancora inarrivabili. Ed è forse questa la chiave che spiega la letargia innovativa della colazione: è il pasto che consumiamo appena svegli, spesso di fretta, senza voler prendere nessuna decisione. È quello che più di tutti deve essere facile, rassicurante, accogliente, deve convincerci a uscire di casa con gli occhi spiegazzati e i muscoli pesanti e ad affrontare il mondo. A colazione cerchiamo la mamma, non abbiamo voglia di sperimentare e di metterci in gioco, vogliamo solo abbracci e protezione. nutella

A margine: piccolo elogio del melting-pot, dell’accoglienza generosa e incasinata, della mamma più mamma che c’è
Da più di un anno vivo in Sarpi, la Chinatown milanese, uno dei quartieri più seducenti e in crescita della città. La via principale, con rivoli di stradine abitati quasi solo da cinesi, alterna eleganti e longeve boutique gestite da italiani – sartorie, cartolerie, abbigliamento di alta moda – a negozietti di cianfrusaglie ed elettronica asiatici, ma è anche la nuova via del cibo di Milano: una macelleria di dispendiose prelibatezze, una gastronomia con una delle migliori selezioni di formaggi francesi della città, l’antica enoteca Cantine Isola, OTTO e i suoi quadrotti, e tanti nuovi locali cinesi di moda anche tra gli italiani: l’hipster Tang Gourmet, la Ravioleria di Sarpi – ravioli cinesi con carne piemontese, e sempre qualcuno in coda – e i numerosissimi Bubble Tea Bar, che vendono bevande zuccherose di frutti esotici tra cui appunto il Bubble Tea di Taiwan, a base di tè, latte e con perle di tapioca (palline glutinose e dolci – praticamente caramelle gommose – che si succhiano con una larga cannuccia). Scrivo tutto questo da una pasticceria aperta da due mesi, dove ho bevuto un tè nero ghiacciato con la tapioca e ho fatto colazione con una torta ai datteri; ma avrei potuto scegliere tra dolcini di riso, coloratissime (e ammetto poco invitanti) fettone di pan di Spagna, sfoglie, baozi dolci o salati, frollini allo zenzero, macaron, pasteis de nata. Non so se questo sincretismo – questa accozzaglia – sia una buona soluzione. Di sicuro è più divertente dell’ennesimo enorme1 cookie al cioccolato.

#sarpi nuova pasticceria, verter and better #chinatown Un post condiviso da @ariannacavallo in data:

1. La cosa buffa di tutti questi posti salutari, healthy, sono le dimensioni enormi di dolcetti e bowl: non è una questione di calorie è che le porzioni piccole, oltre che belle da vedere, permettono più assaggi. Direi che riescono anche meglio in foto.

Une après midi entre amis … forcément avec des popelini! #popelini #choux #popeliniparis #alldifferent #instagood #instafood

Un post condiviso da Camille_Peyi (@camille_peyi) in data:

Un discorso parallelo a questo e forse contrario. Sono da poco tornata da Parigi, dove ho pagato due euro e mezzo per un espresso, sempre di una bontà imparagonabile a quella di un comune bar italiano. Tra le recensioni su Tripadvisor di uno di questi locali – senza lavagnette e con un barista che dubito sapesse cosa fosse il Coachella – un tizio scriveva che il caffè non era buono quanto quello di Sydney, ma era davvero ok. Mi ha fatto sorridere, da italiana cresciuta nell’idea che caffè pasta e pizza li sappiamo fare solo noi. Questa arroccata convinzione della nostra superiorità ha impedito l’arrivo della cosiddetta third wave of coffee, quel movimento di cura e attenzione, spesso ridicolizzata, per il caffè, selezionato e macinato per ogni tazzina, una moda un po’ da fissati. Resta però che il caffè è più buono e che ci sono tante torrefazioni e se ne possono aprire di nuove, senza per forza chiamarle coffee roasters.

Mostra commenti ( )