• Cultura
  • mercoledì 14 febbraio 2018

Il mondo psichedelico dentro una lavatrice

Quella al centro della storia di "Crawl Space", il terzo fumetto del canadese Jesse Jacobs, pubblicato in Italia da Eris Edizioni e uscito ieri

Da Crawl Space di Jesse Jacobs, Eris Edizioni 2018

Jesse Jacobs è un fumettista canadese che negli ultimi anni si è fatto conoscere tra gli appassionati di fumetti anche in Italia. La casa editrice torinese Eris ha pubblicato i suoi primi due libri, Safari Honeymoon ed E così conoscerai l’universo e gli dei nel 2015 e nel 2017, e ieri è uscito il terzo: Crawl Space. Le protagoniste sono due ragazzine che si conoscono da qualche giorno perché una, Daisy, si è appena trasferita nella scuola dell’altra, Jeanne-Claude. Daisy rivela a Jeanne-Claude che attraverso la lavatrice e l’asciugatrice nello scantinato di casa sua si accede a uno strano mondo in due dimensioni, in cui anche i corpi assumono un nuovo aspetto, e tutto è molto colorato. Pubblichiamo alcune pagine del fumetto: non proprio l’inizio, la seconda scena.

Nelle recensioni Crawl Space è definito come un misto tra una commedia adolescenziale, perché c’è una festa in casa che finisce con l’arrivo della polizia, un fantasy con un portale nascosto come Le cronache di Narnia, una fiaba con una morale e un libro sugli effetti delle droghe psichedeliche, anche se nelle interviste Jacobs ha detto che per lui il mondo dentro la lavatrice non deve essere letto unicamente come una metafora dell’uso di certe sostanze stupefacenti. In inglese “crawl space” indica i seminterrati usati come stanze di servizio, quindi le stanze come quelle in cui si trovano la lavatrice e l’asciugatrice di Daisy; Eris ha deciso di mantenere il titolo in inglese per dargli un po’ più di forza evocativa – Lo scantinato o La lavanderia avrebbe avuto tutto un altro effetto – in linea con la particolarità del mondo immaginato da Jacobs.

Per ora Jesse Jacobs è conosciuto soprattutto tra gli impallinati di fumetti cosiddetti “alternativi” (anche in Canada è pubblicato da una piccola casa editrice che propone fumetti di artisti emergenti, Koyama Press), anche se per un po’ ha lavorato a Cartoon Network, tra i disegnatori della serie Adventure Time. I suoi disegni sono stati esposti in varie gallerie in Canada, oltre che all’ultima edizione del Treviso Comic Book Festival. In Italia ha anche disegnato una copertina della rivista Linus, quella di maggio 2017, in cui ha ridisegnato Charlie Brown, Snoopy, Linus, Lucy e Marcie dei Peanuts come forme di vita aliene su un altro pianeta.

Mostra commenti ( )