• Moda
  • mercoledì 12 luglio 2017

Chiude Colette, a Parigi

A dicembre: è uno dei più famosi concept store al mondo, modello per molti altri nel mondo

Una vetrina di Colette, Parigi, 18 novembre 1999 (DANIEL JANIN/AFP/Getty Images)

Colette, uno dei concept store più famosi del mondo (insieme a Corso Como 10 a Milano) che si trova a Parigi in Rue Saint-Honoré, chiuderà il prossimo 20 dicembre dopo vent’anni di attività. La notizia è stata data dall’azienda, che su Instagram ha scritto: «Tutte le cose belle devono finire prima o poi e dopo 20 anni meravigliosi Colette chiuderà il 20 dicembre di quest’anno. Per Colette Roussaux è arrivato il tempo di riposarsi e Colette non può esistere senza Colette».

Colette Roussaux aprì la boutique nel 1997 insieme alla figlia Sarah Andelman, studentessa d’arte e stagista della rivista di moda e lifestyle Purple, che si è occupata dell’azienda negli ultimi anni consolidandone la fama del posto dove trovare tutto quello che fosse cool in quel momento: anzi, del negozio che stabiliva cosa fosse cool in quel momento. Nel 2016 Colette, uno spazio di 740 metri quadri suddivisi su tre piani, ha avuto ricavi per 28 milioni di euro, di cui il 25 per cento di vendite online sul sito colette.fr.

ANNONCE SPECIALE Toutes les bonnes choses ont une fin. Après vingt années exceptionnelles, colette devrait définitivement fermer ses portes le 20 décembre prochain. Colette Roussaux arrive à l’âge où il est temps de prendre son temps ; or, colette ne peut exister sans Colette. Des échanges ont lieu avec Saint Laurent et nous serions fiers qu’une Marque aussi prestigieuse, avec qui nous avons régulièrement collaboré au fil des années, reprenne notre adresse. Nous sommes ravis du grand intérêt que Saint Laurent a montré dans ce projet, ce qui pourrait constituer une très belle opportunité pour nos salariés. Jusqu’au dernier jour, rien ne changera. colette continuera de se renouveler toutes les semaines comme d’habitude, avec une sélection unique et de nombreuses collaborations, également disponibles sur notre site colette.fr Nous vous remercions pour votre confiance, et à bientôt chez colette, jusqu’au 20 décembre! BREAKING NEWS As all good things must come to an end, after twenty wonderful years, colette should be closing its doors on December 20th of this year. Colette Roussaux has reached the time when she would like to take her time; and colette cannot exist without Colette. Negotiations are under way with Saint Laurent and we would be proud to have a Brand with such a history, with whom we have frequently collaborated, taking over our address. We are happy of the serious interest expressed by Saint Laurent in this project, and it could also represent a very good opportunity for our employees. Until our last day, nothing will change. colette will continue to renew itself each week with exclusive collaborations and offerings, also available on our website colette.fr We thank you for your support and see you soon at colette–until December 20th!

Un post condiviso da sarahcolette (@sarahcolette) in data:

La chiusura di Colette è la notizia del momento nel mondo della moda e l’autorevole rivista Business of Fashion l’ha definita la fine di un’epoca. Colette infatti ha cambiato il modo di pensare le moderne boutique di lusso: non vendeva articoli e marche precise, ma un’idea di mondo, un’idea di coolness, appunto. Ci si può trovare tutto quello che è di tendenza e che sarà di tendenza: marchi di alta moda e streetwear che ha spesso lanciato quando nessuno ancora li conosceva – fu Colette per prima a tenere collezioni di Proenza Schouler, Mary Katrantzou e Rodarte – caramelle (come le Sugarpova della tennista Maria Sharapova), giocattoli, libri, oggetti di design, gioielli, macchine fotografiche di nicchia, riviste, souvenir più o meno economici; c’è uno spazio espositivo dove vengono continuamente organizzati eventi e firmacopie di libri, e un water-bar dove si servono più di 100 marchi d’acqua.

«È l’unico negozio in cui vado perché hanno cose introvabili altrove», ha detto lo stilista Karl Lagerfeld a Business of Fashion: «Hanno inventato una formula difficile da copiare perché c’è soltanto una Colette e lei e la sua Sara sono coinvolte al 200 per cento». Gli oggetti in vendita da Colette – ogni settimana arriva qualcosa di nuovo – vengono infatti scelti da Andelman e da sua madre con un continuo lavoro di ricerca.

@alexachung Stay tuned capsule collection from Wednesday at #colette #AlexaChung #colettewindow

Un post condiviso da colette (@colette) in data:

Nel comunicato si legge che l’azienda è in trattative per vendere la sede del negozio a Saint-Laurent e che fino a dicembre il negozio e il sito continueranno ad aggiornare i loro articoli regolarmente. Il 21 agosto sarà disponibile in negozio, per due settimane, la collezione realizzata in collaborazione col marchio di fast fashion H&M.

“Viva Colombia” at #colettewaterbar #colette #colombiacolettebyesteban

Un post condiviso da colette (@colette) in data:

La chiusura di Colette potrebbe avere conseguenze sul modo di funzionare degli altri concept store: il secondo più famoso si trova in Italia, a Milano, ed è il 10 Corso Como aperto nel 1990 e gestito da Carla Sozzani. Nonostante i problemi economici degli ultimi anni, ha aperto nuove sedi a Seul, Shanghai e Pechino, il prossimo anno inaugurerà un negozio a New York.

Sarah Andelman e Colette Roussaux

chère colette, chère sarah, merci pour tout. merci pour toutes ces années et ces merveilleux souvenirs ! 💙💙

Un post condiviso da Nouvelle Garde (@nouvellegarde) in data:

@ligne_blanche x #jeanmichelbasquiat @papelariainstagram x #colette #nava #vilac #ligneblanche #papelaria

Un post condiviso da colette (@colette) in data:

@pigalleparis_official @pigalle_ashpool x @missoni in store & online #colette #pigalleparis #missoni

Un post condiviso da colette (@colette) in data:

@abstractsunday exhibition until May 6th #colette #ChristophNiemann

Un post condiviso da colette (@colette) in data:

Mostra commenti ( )