• Italia
  • giovedì 25 maggio 2017

A Pioltello qualcuno ha dato fuoco a un bar per via di una notizia falsa in tv

Per una voce che ci fossero stati dei festeggiamenti per la strage di Manchester, qualcuno ha incendiato la saracinesca

Qualcuno ha dato fuoco a del liquido infiammabile davanti alla saracinesca di un bar di Pioltello, alla periferia di Milano, apparentemente in conseguenza di una notizia priva di fondamento diffusa da alcuni account sui social network e da un programma televisivo, che riferiva di festeggiamenti per la strage di Manchester in quel bar, che si chiama Marrakech.

Per quello che se ne sa finora, riferito soprattutto dalle edizioni locali del Giorno, la storia sarebbe cominciata quando il giornalista di Panorama Carmelo Labbate su “Mattino Cinque” ha raccontato di un bar di Seggiano davanti al quale degli stranieri avrebbero esultato per la strage di Manchester, sulla base di una segnalazione ricevuta su Facebook (Labbate è poi intervenuto sulla vicenda dicendo di aver fatto solo «il suo dovere di cittadino»). Seggiano è un quartiere di Pioltello, comune che ha il 25 per cento di stranieri tra i suoi cittadini.

“È partito tutto da una segnalazione razzista e il nostro bar è finito sotto torchio. È una situazione assurda. Questa mattina (ieri per chi legge, ndr) abbiamo ricevuto controlli da tutte le forze dell’ordine: sono arrivati gli agenti dell’antiterrorismo, i carabinieri e la polizia”, racconta Mimmo Sidella del Marrakech Lounge Bar, il locale finito sotto accusa. “La notizia è falsa. I carabinieri hanno individuato la fonte: si tratta di un uomo che scrive sui social dei post che inneggiano al razzismo, siamo pronti a denunciarlo”.

La voce, priva di qualunque altro riscontro, è stata ripresa da alcuni account sui social network e poi in un servizio con inviato sul posto di nuovo dal programma televisivo “Mattino Cinque” di Canale 5 di mercoledì, che non ha trovato però nessuna ulteriore conferma, pur insistendo molto sull’accusa: e che ha dato alla voce altra diffusione su Facebook, dove è stata ripresa tra gli altri dall’account di una consigliera di Forza Italia al comune di Milano, Silvia Sardone.

Giovedì notte c’è stato il tentativo di incendio – i carabinieri hanno trovato poco lontano la bottiglia da cui è stato versato il combustibile – con pochi danni, riferiscono il Giorno e la Gazzetta della Martesana:

Era da poco passata l’una di notte quando ignoti hanno appiccato il fuoco di fronte alla saracinesca del bar Marrakech di via Monza. Fortunatamente le fiamme sono state immediatamente spente e i danni sono stati lievi. Ma adesso la paura è tanta.
Soprattutto per i titolari che, loro malgrado, si sono ritrovati catapultati al centro delle cronache per dei fatti che, a loro dire, non sarebbero mai avvenuti. “Ma quali festeggiamenti per gli attentati, lunedì nel bar non c’era nessuno, solo un paio di persone fuori che si facevano i fatti loro – ha spiegato Adil – Hanno detto che sono arrivati i carabinieri, ma non è assolutamente vero. Un sacco di falsità che hanno avuto il risultato solo di infangare il nostro nome”.

Ieri, mercoledì, diversi giornalisti hanno girato per il quartiere a caccia dei presunti musulmani che hanno festeggiato e anche le Forze dell’ordine si sono mosse in forza, con i carabinieri, la Digos e la Polizia locale che hanno voluto incontrare i proprietari del bar. “Sono andata in caserma e mi hanno fatto un sacco di domande – ha continuato Elvira proprietaria dei muri – Quando sono rientrata c’era una giornalista che mi aspettava e mi ha tempestato di domande. Abbiamo intenzione di chiedere i danni morali per quello che è successo”.

La storia, per fortuna con conseguenze assai più limitate per questa volta, ricorda molto un caso di cui si è discusso negli scorsi mesi negli Stati Uniti, di una pizzeria perseguitata da atti di violenza per una falsa notizia sui suoi rapporti con la pedofilia e la campagna elettorale di Hillary Clinton.

Il sindaco di Pioltello ha tenuto una conferenza stampa insieme al comandante della polizia locale giovedì alle 13 spiegando come la voce dei festeggiamenti sia del tutto infondata (gli stessi orari dell’episodio descritto erano incompatibili con quelli della strage di Manchester) ed esprimendo “la mia rabbia contro le televisioni nazionali” che hanno promosso la falsa notizia.

«Chi dobbiamo ringraziare per tutto questo?»

Mostra commenti ( )