• Italia
  • venerdì 19 maggio 2017

Come funzioneranno i vaccini obbligatori

Sono 12, saranno necessari per l'iscrizione all'asilo nido e alla scuola materna, poi ci saranno delle multe: lo ha deciso il governo con un decreto

(Fred Guerdin/Reporters/LaPresse)

Oggi il governo ha approvato un decreto legge che di fatto rende possibile l’iscrizione agli asili nido e alle scuole materne ai soli bambini vaccinati, aggiungendo inoltre sanzioni economiche per i genitori che decideranno di iscrivere i loro figli non vaccinati alla scuola dell’obbligo, quindi dalla primaria in poi. Il contenuto del decreto legge entra immediatamente in vigore, ma il Parlamento dovrà convertirlo in legge entro 60 giorni. La decisione è stata il frutto di una mediazione tra la proposta del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che aveva chiesto le vaccinazioni anche per gli iscritti alla scuola dell’obbligo, e altri ministri come quello dell’Istruzione, Valeria Fedeli, che avevano proposto le sanzioni e non l’obbligatorietà. Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, ha spiegato di avere scelto un decreto legge per attivare il prima possibile le nuove regole ed evitare un’emergenza sanitaria, visto il considerevole calo della copertura vaccinale nel nostro paese. (Il testo completo del decreto non è stato ancora diffuso.)

I 12 vaccini obbligatori per l’accesso ad asili nido e scuole materne sono:

  • antidifterica,
  • antitetanica,
  • antipolio,
  • antiepatite virale B,
  • antipertosse,
  • anti Haemophilus influenzae di tipo B,
  • antimorbillo,
  • antiparotite,
  • antirosolia,
  • antimeningococcico C,
  • antimeningococcico B,
  • antivaricella.

Alcuni di questi vaccini erano già obbligatori, mentre altri – come quello contro morbillo, parotite e rosolia (MPR) – erano solo consigliati. Non erano però previste particolati sanzioni in caso di mancata vaccinazione, mentre ora il governo si è impegnato a mantenere controlli più elevati, anche per quanto riguarda i provvedimenti contro chi non esegue le vaccinazioni.

Come funziona
Asili nido e materne
Per potere iscrivere i propri figli all’asilo nido e alla scuola materna (0 – 6 anni) si dovranno presentare libretto delle vaccinazioni ed eventuali certificati. Nel caso in cui il bambino non sia in regola non sarà possibile proseguire l’iscrizione.

Scuola dell’obbligo
Anche in questo caso i genitori dovranno presentare il libretto delle vaccinazioni per dimostrare che il loro figlio è stato regolarmente vaccinato. Se il bambino non dovesse risultare in regola, la scuola dovrà mettersi in contatto con l’Asl, che a sua volta contatterà i genitori e darà qualche giorno di tempo per completare le vaccinazioni richieste. La famiglia non sarà comunque obbligata a vaccinare il figlio, ma in questo caso dovrà pagare una sanzione da “10 a 30 volte più alta rispetto alle attuali”, ha detto Gentiloni senza specificare l’entità effettiva della multa.

Le sanzioni già esistenti sono nell’ordine di qualche centinaio di euro, per le vaccinazioni che erano già obbligatorie, ma erano di rado applicate: con la nuova regola saranno di diverse migliaia di euro e applicate con controlli più severi, dice il governo. Il pagamento della sanzione sarà richiesto ogni anno alla famiglia del bambino non vaccinato.

Cosa dicono i medici
La decisione di rendere obbligatori 12 vaccini per l’iscrizione agli asili nido e alle scuole materne è stata accolta positivamente dalla maggior parte dei medici, da tempo preoccupati sul calo delle vaccinazioni, causato da uno scetticismo non giustificato su una pratica sanitaria che permette di salvare migliaia di vite ogni anno. La scelta di non rendere obbligatori i vaccini anche dalle elementari in poi è stata però criticata, perché di fatto consentirà di non vaccinare comunque i propri figli a chi se lo può permettere economicamente.

Roberto Burioni, docente universitario e tra gli esperti di vaccini più seguiti e apprezzati in Italia, ha scritto sulla sua pagina Facebook:

Poteva andare meglio, ma immagino che in politica sia necessario accontentarsi. Se le sanzioni per chi iscrive a elementari e medie i figli non vaccinati, come anticipato, saranno di decine di migliaia di euro avremo in concreto qualcosa di molto simile all’obbligatorietà anche se – come principio – è sgradevole l’idea che qualcuno possa comprarsi la possibilità di fare del male agli altri. […]

Molto positivo è avere superato la vecchia divisione tra vaccini obbligatori e facoltativi, che creava tanta confusione. Adesso speriamo che l’attuazione di questo provvedimento che dobbiamo salutare con gioia non venga pregiudicata dai tribunali di vario ordine e grado come talvolta avviene nel nostro paese. Sono ottimista e sono certo che i giudici ne comprenderanno l’importanza per difendere la salute pubblica ed in particolare quella dei più deboli contro l’oscurantismo e la superstizione.

Copertura vaccinale
Per contrastare la riduzione delle vaccinazioni, alcune regioni italiane avevano già avviato progetti di vario tipo con l’obiettivo di fare aumentare la copertura. In Emilia-Romagna, per esempio, si era deciso di rendere obbligatorie alcune vaccinazioni per i bambini che frequentano l’asilo nido: in assenza della vaccinazione, non si può essere ammessi. A inizio anno, il ministero della Salute ha inoltre attivato un nuovo piano che ha reso gratuiti tutti i principali vaccini, superando le differenze che esistevano tra regione e regione dove in alcuni casi erano ancora a pagamento, tramite ticket.

Negli ultimi mesi il ministero della Salute aveva inoltre espresso forti preoccupazioni sulla riduzione nelle vaccinazioni, soprattutto per contrastare alcune malattie come il morbillo, che può essere la causa di molte complicazioni dalla polmonite all’encefalite (una pericolosa infezione che interessa il cervello e il resto del sistema nervoso centrale contenuto nella scatola cranica) passando per otiti di media entità. Nel 2012 secondo l’OMS ci sono state 122mila morti riconducibili al morbillo, circa 330 morti ogni giorno. L’ultima epidemia in Italia, registrata nel 2002, ha causato la morte di sei persone e ha portato a 15 casi di encefalite.

Il vaccino MPR negli anni ha permesso di immunizzare centinaia di milioni di persone in tutto il mondo e di salvare la vita a molte di loro, ma è stato osteggiato dai movimenti contro i vaccini, nati soprattutto in seguito alla disinformazione e a un vecchio e fraudolento studio scientifico del 1998, da tempo smentito da tutte le più importanti organizzazioni sanitarie del mondo compresa l’OMS e ritirato dalla stessa rivista The Lancet, che lo aveva pubblicato alla fine degli anni Novanta.

Il presunto rapporto tra vaccini e autismo non è mai stato dimostrato da nessuna ricerca scientifica, ma questo non ha impedito nei tempi recenti ad alcuni magistrati in Italia di emettere discutibili ordinanze e sentenze che hanno contribuito a fare aumentare le diffidenze da parte dei genitori che devono decidere se vaccinare o meno i loro figli.

Mostra commenti ( )