Gela candidato M5S

Il M5S ha espulso il sindaco di Gela

Domenico Messinese, eletto pochi mesi fa, è stato cacciato dopo diversi scontri con consiglieri e assessori scelti dalla base del partito

Gela candidato M5S
Domenico Messinese

Il sindaco di Gela, Domenico Messinese, è stato espulso dal Movimento 5 Stelle. Lo hanno fatto sapere in un comunicato stampa i dirigenti del gruppo regionale del Movimento, spiegando che Messinese «si è dimostrato totalmente fuori asse rispetto ai principi di comportamento degli eletti nel M5s ed anche alle politiche ambientali, energetiche ed occupazionali più accreditate in ambito europeo». Messinese, 50 anni, ingegnere, ex tecnico della Telecom Italia, era stato eletto al secondo turno delle comunali del 2015 vincendo con quasi il 65 per cento dei voti contro Angelo Fasulo, candidato del Partito Democratico e del Megafono di Rosario Crocetta.

Gli scontri tra Messinese e parte del Movimento vanno avanti da mesi. Da una parte c’erano Messinese e il vicesindaco Simone Siciliano (a cui erano state affidate ben 27 deleghe), dall’altra i consiglieri comunali e gli assessori scelti dalla base del Movimento. La crisi aveva anche portato alla formazione di due diversi “meetup”, i gruppi locali del M5S. Qualche giorno fa Messinese aveva deciso di sostituire nella sua giunta tre assessori: Ketty Damante, Pietro Lorefice e Nuccio Di Paola, che avevano le deleghe a servizi sociali e istruzione, lavori pubblici e decoro urbano, controllo del territorio, sport ed eventi. Quattro dei cinque consiglieri del M5S e i tre assessori sostituiti avevano allora sfiduciato pubblicamente Messinese, chiedendone l’espulsione dal partito.

I dirigenti regionali hanno spiegato di aver accolto la richiesta e deciso l’espulsione perché Messinese non ha rispettato le regole del Movimento sul taglio del suo stipendio e perché «ha avallato il protocollo di intesa tra Eni, Ministero dello Sviluppo economico e Regione Siciliana. Un accordo che il gruppo parlamentare all’Ars del M5S ha osteggiato con tutte le sue forze non solo perché in aperto contrasto con i sui principi, ma anche perché contrario alle più accreditate politiche di tutela ambientale, energetiche, occupazionali e di economia turistica».

Messinese ha detto che non intende dimettersi: «Non mi ha chiamato nessuno, nessuno mi ha mai chiesto spiegazioni». Ha anche accusato i leader del Movimento di latitanza dicendo che «se c’è stata per mantenere la libertà di gestione è un merito, ma se invece è per poter abbandonare un sindaco che crede nel Movimento allora è un’altra cosa». Il 29 dicembre il Movimento 5 Stelle aveva espulso la senatrice Serenella Fucksia, ultima di una lunga lista di parlamentari cacciati dal partito dal 2013 a oggi.

Mostra commenti ( )