La strage di Lampedusa

Sono stati recuperati 127 cadaveri ma i soccorritori dicono che ce ne sono molti altri nei pressi del relitto, e ci sono ancora decine di disperside

Nella notte tra mercoledì 2 e giovedì 3 ottobre una barca con a bordo circa 500 migranti è naufragata a causa di un incendio al largo di Lampedusa, a circa mezzo miglio dall’Isola dei Conigli. Le operazioni di salvataggio sono ancora in corso: finora sono stati recuperati in mare 127 cadaveri, dice Adnkronos, mentre nel pomeriggio a 47 metri di profondità è stato ritrovato il relitto della nave. Secondo i primi racconti dei soccorritori sotto la barca ci sono molti altri cadaveri, non si sa di preciso ancora quanti. Le persone salvate sono 155, ci sono ancora decine di dispersi. Il governo ha proclamato un giorno di lutto nazionale e domani riferirà in Parlamento.

(attenzione, immagini forti)

Giusi Nicolini, il sindaco della città, ha detto che questa «è la più grande tragedia che Lampedusa ricordi» e che lo scafista è già stato arrestato. Il ministro dell’Interno Angelino Alfano e la presidente della Camera Laura Boldrini sono a Lampedusa. Alfano ha tenuto una conferenza stampa sull’isola, confermando le notizie circolate sull’incidente e aggiungendo che la barca è partita da Misurata, in Libia, e che i pescherecci che le sono passati accanto non l’hanno notata.

***

14.05 – Lo Huffington Post riporta che il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha commentato la situazione di Lampedusa spiegando che «siamo ormai dinanzi al succedersi di vere e proprie stragi di innocenti» e che «non si può girare attorno alla necessità assoluta di decisioni e azioni da parte della comunità internazionale e in primo luogo dell’Unione Europea».

13.52 – Nel corso di una conferenza stampa il ministro per l’Integrazione Cécile Kyenge ha detto che «da questo momento in poi ognuno di noi deve cercare una soluzione, non fomentando la politica della paura ma creando una politica di dialogo che si fonda sulla conoscenza dell’altro». Riguardo le critiche ricevute dal deputato della Lega Nord Gianluca Pini, Kyenge ha aggiunto che «imputare la responsabilità morale di quanto sta succedendo a me e alla presidente Boldrini non solo è offensivo verso di noi, ma lo è per le vittime. Il primo pensiero è per le vittime. È offensivo anche per la coscienza dei cittadini italiani, e degli abitanti di Lampedusa che si stanno prodigando. Questa è una mia presa di posizione, un punto di non ritorno verso questa forza politica.»

13.45 – Secondo l’ANSA il responsabile sanitario di Lampedusa Pietro Bartolo ha dichiarato che «finora abbiamo recuperato 94 cadaveri e 151 persone vive. Tra le vittime ci sono anche un bimbo di 3 anni e una bimba di 2 anni. Due donne, tra cui una incinta, sono state trasferite a Palermo perchè hanno problemi più gravi degli altri». Giusi Nicolini, il sindaco della città, ha spiegato che questa «è la più grande tragedia che Lampedusa ricordi».

13.16 – Pochi minuti fa il sito di Internazionale ha messo insieme un riepilogo delle cose che sappiamo al momento.

Sono 82 i corpi recuperati finora nel naufragio avvenuto davanti alle coste di Lampedusa, tra loro anche donne e bambini. Lo ha detto il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini.

Antonio Candela, commissario straordinario alla salute di Palermo, ha detto che sono state soccorse 159 persone. Secondo i testimoni l’imbarcazione trasportava circa 500 persone. Mancherebbero ancora all’appello circa 250 persone.

Secondo quanto riportano le agenzie italiane il naufragio sarebbe stato provocato da un incendio a bordo, mentre l’imbarcazione era a mezzo miglio di distanza dall’isola dei conigli. A dare l’allarme due pescherecci.

Le autorità italiane tra cui il ministro dell’interno Angelino Alfano e la presidente della camera Laura Boldrini raggiungeranno Lampedusa in giornata.

13.12 – Secondo l’agenzia Adnkronos le persone che si trovavano sulla barca provenivano da Eritrea, Ghana e Somalia.

12.47 – Secondo l’ANSA sono 93 i cadaveri recuperati fino ad ora dal mare: tra loro anche i corpi di quattro bambini e di numerose donne.

12.45 – Il ministro dell’Interno Angelino Alfano riferirà in Parlamento sul naufragio di Lampedusa al suo ritorno dall’isola «auspicabilmente tra oggi e domani». Lo ha detto il vicepresidente della Camera Roberto Giachetti durante la seduta di oggi.

12.40 – Il commissario Ue Johannes Hahn ha dichiarato: «Le istituzioni Ue esprimono la loro tristezza per quanto avvenuto a Lampedusa: è una vera tragedia che ha coinvolto anche bambini. L’Ue deve vedere cosa fare per aiutare».

1 2 Pagina successiva »
Mostra commenti ( )