Aaron Swartz, an activist trying to open up the online federal courts documents system

La storia di Aaron Swartz

di Francesco Marinelli – @frankmarinelli

Si è suicidato venerdì scorso a New York un giovane programmatore e attivista statunitense, ad aprile sarebbe iniziato il processo contro di lui per frode informatica

Aaron Swartz, an activist trying to open up the online federal courts documents system

Aaron Swartz, programmatore, scrittore e attivista statunitense, si è suicidato venerdì scorso nel suo appartamento di New York. Aveva 26 anni. È stato co-autore dei feed RSS – uno dei formati più usati per la distribuzione di contenuti su Internet – quando aveva 14 anni, e co-fondatore di Reddit, un popolarissimo sito (35 milioni di utenti nel 2011) per condividere e votare link.

Aaron Swartz è sempre stato interessato all’informatica ed è stato uno dei più importanti esponenti del gruppo di attivismo online DemandProgress, con cui si è sempre battuto contro ogni forma di controllo di Internet: «Ha sempre usato le sue abilità prodigiose come programmatore non per arricchire se stesso, ma per rendere Internet un mondo migliore», ha scritto la sua famiglia nel sito aperto per ricordarlo.

La notizia della morte ha avuto molte reazioni nella comunità tecnologica di Internet: è stato descritto come un attivista di valore, altri hanno scritto di lui come un “vero rivoluzionario”. Tim Berners-Lee, considerato uno degli ideatori del World Wide Web, ha scritto su Twitter un messaggio molto commosso:

Nella sua vita professionale, Aaron Swartz ha sempre avuto tra i suoi obiettivi quello di rendere i contenuti di Internet il più possibile gratuiti e aperti al pubblico. Nel 2008 scaricò e pubblicò circa il 20 per cento del database PACER della corte federale degli Stati Uniti: venne messo sotto inchiesta da parte dell’FBI, ma il caso fu chiuso due mesi dopo senza condanna.

Il 19 luglio 2011 fu accusato dal procuratore dello stato del Massachusetts, per aver ottenuto informazioni da un computer protetto del MIT (il celebre Massachusetts Institute of Technology, dove lavorava) e per averlo danneggiato: Aaron Swartz avrebbe nascosto un computer collegato alla rete del MIT scaricando 4.800.000 di articoli e documenti da JSTOR, una biblioteca digitale, mettendo i documenti su una rete di condivisione.

Questo è il video del discorso di Aaron Swartz sulla battaglia vinta per evitare una legge, presentata da un deputato repubblicano nel 2011, che avrebbe permesso ai titolari di copyright statunitensi di impedire la diffusione dei propri contenuti.

Aaron Swartz si dichiarò non colpevole e fu rilasciato dopo il pagamento di una cauzione di 100mila dollari: il processo per frode informatica era previsto per il mese di aprile di quest’anno e Swartz correva il rischio, se condannato, di rimanere in carcere fino a 35 anni, con una multa da pagare fino a un milione di dollari. JSTOR fece comunque sapere di non voler intraprendere una causa contro Aaron Swartz, ma il procedimento venne avviato d’ufficio dal procuratore del Massachusetts.

Prima di fondare l’azienda di software Infogami che ha poi sviluppato Reddit, Aaron Swartz studiò per un anno all’università di Stanford. Fece anche parte dell’Ethics Center Lab dell’Harvard University, dove lavorò insieme a Lawrence Lessig, avvocato e attivista, collaborando allo sviluppo di Creative Commons, fondato proprio da Lessig.

Lessig è stato anche suo amico e consulente negli ultimi anni, dopo il procedimento per frode informatica: in un post pubblicato ieri sul suo blog, Lessig ha ricordato le paure che Swartz visse negli ultimi tempi, definendo«assurdo» il comportamento del pubblico ministero nei suoi confronti. Poteva trattarsi di un comportamento moralmente sbagliato, ha scritto, ma l’accusa di aver «rubato» non doveva essere intesa come un modo per arricchirsi, perché non era proprio questo il significato del suo gesto.

I familiari di Swartz hanno accusato i procuratori federali che hanno aperto il procedimento nei confronti per le loro «decisioni e intimidazioni». Il procuratore del Massachusetts Carmen Ortiz aveva detto un po’ di tempo fa, riguardo al provvedimento: «Rubare è rubare, sia se si utilizzi un computer o un piede di porco, sia se si prendano soldi o documenti e dati», ha scritto ieri il New York Times.

Aaron Swartz non parlava molto del processo, ha raccontato Quinn Norton, una sua amica, anche se «lo aveva portato fino all’esaurimento». Gli ultimi anni sono stati difficili, ha spiegato, perché «ha dovuto lottare con una cronica e dolorosa malattia come la depressione».

Lo zio di Aaron Swartz, Michael Wolf, che ha lavorato nell’amministrazione di Barack Obama come consulente tecnologico, ha spiegato che suo nipote si è impiccato (la causa è stata confermata dal medico legale) e ha confidato che già in passato aveva avuto il pensiero di suicidarsi: lo ricorda come un giovane «che aveva una certa logica nel proprio cervello, che non era sempre in sintonia con quella del mondo esterno, e questo a volte gli risultava difficile».

Foto: Aaron Swartz (AP Photo/The New York Times, Michael Francis McElroy)

Mostra commenti ( )