The sun rises above the Pyongyang city s

Il flop del razzo nordcoreano

Lanciato stanotte dopo molte contestazioni, è esploso ed è precipitato in mare un minuto dopo il decollo, portando lo stesso governo di Pyongyang ad ammettere il fallimento

La Corea del Nord ha effettuato questa notte il lancio di un razzo – per mandare in orbita un satellite, ha detto il governo; per testare la tecnologia dei missili a lunga gittata, ha detto buona parte della comunità internazionale – ma il lancio è stato un fallimento. Stando a quanto riferito da Giappone, Corea del Sud e Stati Uniti, il razzo circa un minuto dopo il decollo è esploso ed è precipitato in mare. La circostanza è stata confermata dal regime di Pyongyang con un comunicato ufficiale, una rarissima ammissione di fallimento da parte del governo. La Corea del Nord ha detto che i suoi scienziati stanno indagando le cause del fallimento.

Il regime ha sempre detto che il suo obiettivo è lanciare in orbita un satellite per celebrare il centenario della nascita di Kim Il-sung. Gli Stati Uniti e molte altre nazioni – persino la Cina si è detta “preoccupata” – sostengono invece che il regime intenda testare un sistema di missili a lunga gittata, peraltro proibito dalle risoluzioni delle Nazioni Unite. La Casa Bianca ha condannato il lancio del missile. I ministri degli Esteri dei paesi del G8 hanno diffuso un comunicato che definisce il lancio “una minaccia alla pace e alla stabilità della regione”. Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU si riunirà in giornata per discutere della faccenda.

Il goffo fallimento del lancio è considerato imbarazzante e umiliante per il regime da praticamente tutti gli osservatori e analisti internazionali. Il regime aveva invitato vari giornalisti stranieri nel paese e ha organizzato eventi di alto profilo e grandi celebrazioni per festeggiare il centenario della nascita di Kim Il-sung, domenica. L’annuncio dell’operazione il mese scorso aveva portato alla sospensione dell’accordo per interrompere parzialmente le attività nucleari del paese e i test missilistici. Anche nel 2009 il regime aveva condotto un simile esperimento: all’epoca Corea del Sud e Stati Uniti dissero che il razzo non aveva raggiunto l’orbita ma il regime disse che tutto era andato secondo programmi.

foto: Ed Jones/AFP/Getty Images