I 10 video di YouTube più popolari nel 2017

Ci sono, tra gli altri: un corto d'animazione, il più grande incubo di chi deve fare un colloquio via Skype e un uomo che canta (bene) vestito da ostrica

Come ogni anno, YouTube ha pubblicato la lista dei 10 video più popolari del 2017 nel mondo. Con “popolari” non si intende “i più visti”: si intende i video che sono stati più visti, visti per più tempo, più condivisi, più commentati e con più mi piace. È un calcolo che fa YouTube, mettendo insieme vari fattori. È un misto di facce note e canali famosi, ma ci sono anche cose che probabilmente, qui in Italia, non vi sono mai passate davanti. I dieci video più popolari del 2017 sono stati visti più di 630 milioni di volte e, tra tutti, abbiamo passato 40 milioni di ore a guardarli.

Ora ci arriviamo, ma prima l’annuale video che YouTube fa montando insieme decine di video (più di 300, da 20 diversi paesi) tra quelli che si sono fatti più notare:

10. Il professore, l’intervista via computer, e la figlia che non lo sa

Uscì a marzo e inizia come una normale intervista via Skype, con la BBC, di Robert E. Kelly, professore di relazioni internazionali che lavora in Corea del Sud (che stava parlando della complicata situazione del paese). Poi però nella stanza dove si trova entra sua figlia piccola. Seguono complicazioni. E tentatativi di porvi rimedio che complicano ancora di più le cose.

9. Il cortometraggio animato In a Heartbeat

È un cortometraggio d’animazione pubblicato su YouTube il 31 luglio. “Heartbeat” vuol dire battito cardiaco e il cortometraggio parla di un ragazzo il cui cuore “batte forte”, letteralmente, per un altro ragazzo, ma che se ne vergogna. Alla fine il cuore vince sulla timidezza (guardate il video per capire che non è una frase fatta) e il ragazzo è costretto a rendere palese il suo innamoramento. È stato fatto da Beth David ed Esteban Bravo e non ci sono dialoghi: non serve quindi sapere l’inglese per capirlo.

8. La storia del mondo in 20 minuti

È dello youtuber “bill wurtz”, che ha un canale seguito da più di un milione di persone. Questo video racconta in meno di 20 minuti la storia del mondo. Si inizia da una roccia che vaga per lo Spazio e passando da tutto quello che ci sta in mezzo si arriva fino a ora. Nonostante la necessaria sintesi è utile come ripasso, e soprattutto fa ridere.

7. L’insediamento di Donald Trump, con altre parole

Bad Lip Reading è un canale YouTube seguito da cinque milioni di persone: prende video famosi e li doppia mettendoci parole nuove, con grande precisione tecnica e con risultati spesso molto divertenti. Questo è il video del doppiaggio del giorno dell’insediamento di Donald Trump. È stato visto più di 35 milioni di volte. Per capire questo bisogna conoscere bene l’inglese e le cose americane.

6.  Lady Gaga al Super Bowl

È l’halftime show, il concerto di metà partita che ogni anno viene affidato a musicisti e cantanti molto famosi, che organizzano un grande spettacolo con le loro canzoni più popolari concentrato in pochi minuti. Quest’anno l’ospite principale è stata Lady Gaga, che ha iniziato il suo concerto con una sua versione di “This Land Is Your Land” di Woody Guthrie.

5. Ed Sheeran Carpool Karaoke

Forse ora è pieno di gente che non ne può più, ma ricordate quando e quanto andavano forte i video del comico e presentatore James Corden che cantava in macchina con persone famose. Questo è quello con Ed Sheeran.

4. La bambina ventriloqua di America’s Got Talent

Ha 12 anni. Il video è stato visto più di 40 milioni di volte.

3. Cose assurde con palline da ping pong

Sette minuti di cose che non credevate si potessero fare con delle palline da ping pong. Quasi 100 milioni di visualizzazioni.

2. Ed Sheeran, ancora

Ma non lui-lui. La sua canzone, ballata (bene) da altri.

1. Un uomo che canta vestito da ostrica

Dunque. Dovete sapere che in Thailandia c’è un programma tv in cui la gente canta mascherata. E che uno è andato e ha cantato una ballata che a un certo punto diventa un pezzo rap. E che, per ora, quel video è stato visto 183 milioni di volte.

Mostra commenti ( )