• Moda
  • martedì 10 ottobre 2017

La mostra su Peter Lindbergh da vedere a Torino

Tutti conoscete almeno una delle sue famose foto in bianco e nero che fece a modelle come Naomi Campbell, Linda Evangelista e Kate Moss

Fino al 4 febbraio 2018 alla reggia di Venaria Reale di Torino sarà possibile visitare la mostra Peter Lindbergh – A Different Vision on Fashion Photography, una retrospettiva su uno dei più famosi fotografi di moda contemporanei. La mostra è ideata e realizzata dal museo Kunsthal di Rotterdam, dove era già stata presentata l’anno scorso, ed espone 220 tra le foto più importanti della carriera del fotografo, scattate dal 1978 a oggi, con alcune immagini inedite e appunti personali, elementi di allestimenti scenografici, polaroid, provini, film e gigantografie, divisi in sezioni – come “Supermodels”, “Stilisti”, “Danza” o “Il grande schermo” – che ripercorrono lo stile e i temi di Lindbergh.

Peter Lindbergh è famoso soprattutto per le foto di moda in bianco e nero di modelle famosissime, tra cui Naomi Campbell, Linda Evangelista, Cindy Crawford, Milla Jovovich e Kate Moss (foto che probabilmente ha già visto anche chi non si interessa di moda). L’anno scorso è stato scelto come fotografo del calendario Pirelli 2017 (ma se ne era occupato anche nel 1966 e nel 2002), realizzandone una versione un po’ diversa dal solito, con un gruppo di attrici e una professoressa di scienze politiche, tutte vestite e con un’età compresa tra i 27 e i 71 anni.

Un post condiviso da Peter Lindbergh (@therealpeterlindbergh) in data:

Un post condiviso da Peter Lindbergh (@therealpeterlindbergh) in data:

Lindbergh è nato il 23 gennaio 1944 a Leszno, all’epoca in Germania (ora fa parte della Polonia), ed è cresciuto a Duisburg, dove iniziò a lavorare come vetrinista di un grande magazzino. A 18 anni si trasferì in Svizzera, poi a Berlino e poi ad Arles, in Francia, dove visse quello che definisce «il suo idolo», Vincent van Gogh. Ci rimase per sette mesi, poi riprese a viaggiare per due anni tra Spagna e Marocco. Tornato in Germania studiò pittura all’università di arte di Krefeld e nel 1969, quando era ancora uno studente, tenne la sua prima mostra nella rinomata galleria Denise René/Hans Mayer. Iniziò a occuparsi di fotografia due anni dopo, nel 1971, come assistente del fotografo Hans Lux.

Un post condiviso da Peter Lindbergh (@therealpeterlindbergh) in data:

Dagli anni Ottanta è uno dei più conosciuti fotografi di moda, in particolare per le fotografie in bianco e nero, realizzate ispirandosi al cinema tedesco e alla danza. Quando nel 1978 si trasferì a Parigi, iniziò a lavorare per Vogue: prima per l’edizione italiana, poi per quelle inglese, francese, tedesca e americana. Ha collaborato anche con riviste importanti come il New Yorker, Vanity Fair, Rolling Stone e Harper’s Bazaar, ha realizzato le campagne pubblicitarie di numerosi e importanti marchi di moda, tra cui Giorgio Armani, Prada e Donna Karan, e ha ritratto persone famose come Catherine Deneuve, Mick Jagger, Charlotte Rampling, Tina Turner, John Travolta, Madonna e Sharon Stone, tra gli altri.

Mostra commenti ( )