È morto Dionigi Tettamanzi

Era stato arcivescovo di Milano dal 2002 al 2011 ed era malato da tempo

Eric Vandeville/ABACAPRESS.COM

Stamattina è morto Dionigi Tettamanzi, ex arcivescovo della Chiesa cattolica di Milano. Aveva 83 anni ed era malato da tempo. Tettamanzi è stato arcivescovo della città dal 2002 al 2011: fu il successore di Carlo Maria Martini, e oggi viene ricordato soprattutto per l’attenzione ai poveri e ai migranti (per le quali litigò diverse volte con la Lega Nord). Nel 2013 aveva partecipato al conclave che aveva eletto Papa Francesco, ma da qualche mese si era definitivamente ritirato dalla vita pubblica.

Tettamanzi era nato nel 1934 a Renate, in Brianza, ed era entrato in seminario a 11 anni. Divenne prete nel 1957, quando l’arcivescovo di Milano era Giovanni Battista Montini. Dal 1989 al 1991 Tettamanzi era stato arcivescovo di Ancona-Osimo e se n’era andato per diventare segretario generale della CEI, la Conferenza episcopale italiana. Come ha scritto La Stampa, fu in parte per merito di Tettamanzi che l’Unità, che allora era diretto da Walter Veltroni decise di allegare al giornale i Vangeli e altri libri della religione cattolica. Nel 2005, dopo la morte di papa Giovanni Paolo II, qualcuno aveva parlato di lui come di un possibile papabile: fu invece eletto, in un conclave particolarmente rapido, Joseph Ratzinger.

 

Mostra commenti ( )