• Mondo
  • giovedì 20 luglio 2017

La Francia si prende una pausa sulla TAV

Sarà sospesa la costruzione della linea Lione-Torino e di altre grandi opere, in attesa di una nuova legge sui trasporti e di capire quanto costerà davvero

Il cantiere del cunicolo esplorativo della Torino-Lione a Chiomonte, 10 ottobre 2016 (Marco Alpozzi/LaPresse)

Mercoledì 19 luglio, intervenendo all’Assemblea Nazionale – la camera più importante del Parlamento francese – la ministra francese dei Trasporti Elisabeth Borne ha ribadito, dopo averlo già detto lo scorso 6 luglio in un’intervista, che la ferrovia ad alta velocità che dovrebbe collegare Lione a Torino (la TAV) è uno dei progetti interessati dalla «pausa» nella costruzione di nuove infrastrutture annunciata all’inizio di luglio dal Presidente della Repubblica Emmanuel Macron.

Lo scorso 1 luglio Emmanuel Macron, durante l’inaugurazione della linea ad alta velocità Parigi-Rennes, aveva dichiarato di voler dare la priorità ai «trasporti quotidiani» piuttosto che ai nuovi «grandi progetti». Proprio mentre inaugurava una linea ad alta velocità («che è indubbiamente un grande successo») aveva spiegato che per i prossimi cinque anni non aveva intenzione di «rilanciare nuovi grandi progetti, ma impegnarsi a finanziare il rinnovo delle infrastrutture già esistenti». Macron aveva poi concluso spiegando che sperava di presentare entro i primi sei mesi del 2018 «una legge di orientamento sulla mobilità che finalmente porterà risposte concrete». E ancora: «Abbiamo bisogno di prenderci una pausa e di riorientare le nostre priorità».

Lo scorso 6 luglio il sito ecologista francese Reporterre aveva intervistato la ministra francese dei Trasporti Elizabeth Borne sulla Lione-Torino, e la ministra aveva confermato esplicitamente che quel progetto sarebbe stato messo «in pausa» fino alla presentazione di una legge di pianificazione generale sulla mobilità:

Sulla Torino-Lione, quando il ministro afferma: “Faremo una pausa e esamineremo caso per caso“, cosa significa? Ci sarà una pausa per riesaminare la Torino-Lione ?

Elizabeth Borne – «Il Presidente ha annunciato che, dal momento che gli impegni che sono stati presi e che le esigenze essenziali in termini di manutenzione e rigenerazione superano di dieci miliardi le entrate prevedibili in questa fase, dobbiamo fermarci a riflettere sul modello di mobilità e di priorità ai progetti. E poi andremo verso una legge di programmazione nella quale non ci saranno più promesse non coperte da finanziamenti, si andrà di anno in anno con una visione sui dieci anni (…)».

Ciò significa che per il momento la Torino-Lione, che impegna finanziariamente il governo francese, farà una pausa fino a quando questo processo sarà adottato?

Elizabeth Borne: «Il Presidente ha previsto un approccio globale. Si riesaminano gli orientamenti in termini di mobilità e si riesaminano le spese e le risorse per non fare più promesse non finanziate e avere dunque a disposizione risorse coerenti con le promesse fatte».

Io sono un po’ stupido, ma è una pausa sulla Torino-Lione?
Elizabeth Borne: «È una pausa».

I riferimenti alle spese e alle risorse della ministra e le sue dichiarazioni (ribadite anche all’Assemblea Nazionale il 19 luglio con la precisazione che al progetto va comunque riconosciuta «una sua specificità perché fa parte delle reti transeuropee») vanno nella direzione del rapporto pubblicato il 29 agosto del 2016 dalla Corte dei Conti francese che a proposito della linea Lione-Torino aveva scritto: «Questo progetto (…) sembra ampiamente fuori dalla portata budgetaria, non solamente nel 2019, anche oltre». La Corte aveva sottolineato anche «il carattere molto preoccupante di questa prospettiva per le finanze pubbliche».

Lo scorso gennaio, il governo socialista e l’Assemblea Nazionale avevano approvato in modo definitivo la ratifica dell’accordo internazionale tra Francia e Italia per consentire lo scavo del tunnel tra Susa e Saint-Jean-de-Maurienne. Il costo previsto del progetto del tunnel era di 8,6 miliardi di euro finanziati per il 25 per cento (con 2,2 miliardi di euro) dalla Francia, per il 40 per cento dall’Unione Europea e per il 35 per cento dall’Italia. Il 21 giugno scorso TELT (Tunnel Euralpin Lyon-Turin), la società italo-francese incaricata di costruire e gestire la nuova ferrovia ad alta velocità, aveva organizzato nella sede della regione a Lione un grande evento annunciando 81 bandi di gara di appalto divisi su 12 cantieri e pari a un valore di 5 miliardi e mezzo.

Mostra commenti ( )