current
  • Mondo
  • martedì 20 giugno 2017

Una televisione in russo per contrastare la propaganda di RT e Sputnik

Si chiama "Current Time", è finanziata da un'agenzia del governo statunitense e ha grandi ambizioni

current
Un'immagine tratta dal video di presentazione di Current Time

Da qualche mese in Russia si possono vedere online o via satellite le trasmissioni di un nuovo canale finanziato dagli Stati Uniti. Il canale si chiama Current Time (“Настоящее Время” in russo), è tutto in lingua russa ed è stato pensato come alternativa ai network controllati o influenzati dal governo di Mosca, per esempio Russia Today (RT) e Sputnik. È stato creato da due grossi canali già esistenti del Broadcasting Board of Governors (BBG), un’agenzia governativa indipendente responsabile dei mezzi di comunicazione finanziati dal governo degli Stati Uniti, cioè Radio Free Europe/Radio Liberty e Voice of America. Secondo l’Economist, la nascita di Current Time riflette in qualche maniera il ritorno a un modo di ragionare tipico della Guerra fredda, quando una delle priorità degli americani era quella di avere dei canali in lingua russa per trasmettere un’informazione diversa da quella controllata e promossa dal governo di Mosca.

Current Time è stato presentato esplicitamente come un network che racconta «una realtà alternativa a quella fornita dai media controllati dal Cremlino». Il nuovo canale ha due sedi, una a Washington e una a Praga, e impiega più di 100 giornalisti in giro per il mondo. Current Time viene trasmesso anche in altri paesi, oltre che in Russia, e anche via cavo: per esempio in Ucraina, nei paesi baltici, in Polonia, in Repubblica Ceca, in Turchia, in Georgia e in Moldavia. Dice di avere un’audience potenziale di 240 milioni di persone in tutto il mondo che parlano russo. Per la legge americana, Current Time deve fornire un giornalismo obiettivo e indipendente, e compatibile con i valori degli Stati Uniti.

L’Economist ha scritto che Current Time potrebbe diventare una specie di modello per trasmettere anche in altri paesi, per esempio in Corea del Nord, uno degli stati al mondo dove la libertà di stampa è messa peggio. Per il momento sta cercando ancora di aumentare i suoi spettatori in Russia, dove uno dei problemi è che non viene trasmessa via cavo (in Russia la tv via cavo è molto diffusa).

Un altro problema per Current Time potrebbe arrivare dall’amministrazione di Donald Trump, che tempo fa aveva parlato della possibilità di sostituire il CEO di BBG, John Lansing, con un’altra persona molto più vicina a Trump, il quale non ha un atteggiamento troppo oppositivo nei confronti della Russia. Lansing ha detto di non avere avuto la possibilità di aggiornare i funzionari della Casa Bianca riguardo all’apertura di Current Time, ma sembra che i leader del Congresso americano abbiano dato il loro sostegno all’iniziativa.

Mostra commenti ( )